Il Tirreno

Livorno

Paura in città

Livorno, a 100 all’ora su una Mercedes: inseguito e fermato ubriaco in via Cairoli

di Stefano Taglione
Livorno, a 100 all’ora su una Mercedes: inseguito e fermato ubriaco in via Cairoli

Gli agenti delle volanti lo hanno intercettato in pieno centro riuscendo a bloccarlo in viale degli Avvalorati. Per il giovane livornese è scattata la denuncia

03 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. È stato fermato al volante di una Mercedes da 60.000 euro dopo aver sfrecciato a 100 all’ora in via Cairoli. Un inseguimento in piena regola quello avvenuto in centro, da piazza Cavour a viale degli Avvalorati, poco dopo l’1,30 della notte fra Pasqua e Pasquetta, dove un giovane livornese – poi risultato ubriaco con un tasso alcolemico nel sangue di circa due grammi per litro – alla vista di una volante della polizia di Stato, in zona per i controlli disposti dalla questura alla movida di via Cambini e dintorni dopo lo scoppio settimane fa di un grosso petardo, si è dato alla fuga percorrendo ad alta velocità via Cairoli e imboccando poi nell’ordine via Grande, piazza della Repubblica e viale degli Avvalorati.

Il tutto è avvenuto di fronte a moltissimi testimoni, che preoccupati hanno chiamato il 112 e il centralino della polizia municipale, che è operativo 24 ore su 24, anche se dopo le 2 di notte i vigili urbani in questo periodo non hanno ancora pattuglie in servizio, che comunque torneranno sulle nostre strade nel giro di poche settimane.

In ogni caso, sul posto, c’erano già gli agenti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico di viale Boccaccio. I poliziotti, dopo aver intimato l’alt all’automobilista, lo hanno inseguito e con l’aiuto di un secondo equipaggio lo hanno fermato vicino a un centro estetico di viale degli Avvalorati, a poco più di un chilometro da piazza Cavour.

L’uomo, una volta che gli agenti non gli hanno dato scampo, non ha opposto resistenza, comportandosi correttamente e consegnando la patente di guida e il libretto di circolazione per essere identificato. A bordo con lui altre due persone: due uomini e una donna. A tutti i poliziotti hanno chiesto i documenti, verificando chi fossero. Poi, dopo aver effettuato il test alcolemico con la strumentazione in dotazione nella caserma Vittorio Labate, al giovane livornese hanno ritirato la patente di guida, denunciandolo al contempo per guida sotto l’influenza dell’alcol, essendo il tasso rilevato superiore sia alla soglia minima di 0,50 grammi per litro, che a quella di 0,80 che comporterebbe solamente una sanzione amministrativa.

L’uomo – come disposto dal codice della strada – è stato poi multato per la condotta di guida ritenuta dagli agenti non consona alla strada percorsa, avendo viaggiato a una velocità eccessiva in pieno centro, rischiando potenzialmente di creare gravi incidenti stradali e di investire le persone di passaggio. Per fortuna, l’inseguimento, si è concluso nel miglior modo possibile, senza conseguenze per nessuna persona.


 

Primo piano
La tragedia sul campo da calcio

Morte di Mattia Giani, l'inchiesta: tutti i punti da chiarire su cui sta indagando la procura

di Matteo Leoni
Sportello legale