Il Tirreno

Livorno

L' anteprima

A Livorno Primo Maggio di musica vista mare: torna il Concertone (gratuito) alla Terrazza

A Livorno Primo Maggio di musica vista mare: torna il Concertone (gratuito) alla Terrazza<br type="_moz" />

Al Surfer Joe le band Orchestrino, Biffers, Unadasola, Family Conflict e Los Cornejo, Come è profondo il mare
e una super mostra di strumenti vintage. Valdambrini: "Valorizziamo gli artisti locali"

29 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





i Dario Serpan

Livorno Sei band sul palco, una mostra di strumenti musicali vintage, selezione musicale partire dalle 14,30 e il Surfer Joe Diner aperto dalle 10 del mattino.

Ecco il Primo Maggio al Surfer Joe, ottava edizione dell’evento che cade ormai tradizionalmente in occasione della Festa dei lavoratori.

Ingresso gratuito per tutte le iniziative che animeranno la giornata ai piedi della Terrazza Mascagni, organizzazione firmata Surfer Joe.

Guitars and Keys è il nome della mostra di strumenti musicali vintage che sarà presente alla Terrazza Mascagni e sarà gratuitamente visitabile da martedì 30 aprile a domenica 5 maggio.

Circa 800 metri quadri a disposizione dentro la tensostruttura che ospiterà l’esposizione: in mostra la collezione di Flavio Camorani comprendente tutta la produzione di chitarre Fender a catalogo tra il 1951 ed il 1974, più alcuni amplificatori dalle serie "woodie", "tweed", "brownface" tra il 1946 e metà anni 60; in mostra anche la collezione di Keki Andrei di Organ Studio Italia con una larga esposizione di organi e piani elettrici Hammond, Wurlitzer, Rhodes, Vox e molto altro. «Ringraziamo il Lem per averci messo a disposizione la tensostruttura per la mostra», afferma Luca Valdambrini, uno dei titolari del Sufer Joe.

Sarà possibile provare gli strumenti esposti previo consenso del personale in loco. Ingresso gratuito all’esposizione, con questi orari: martedì 30 aprile dalle 16 alle 23, mercoledì 1° maggio dalle 10 alle 23, giovedì 2 e venerdì 3 maggio dalle 16 alle 23, sabato 4 maggio dalle 10 alle 23, domenica 5 maggio dalle 10 alle 20.

Il Primo Maggio al Surfer Joe sarà musica a partire dalle 14,30, con la selezione a cura di Kenji, che proporrà un assaggio di vinili da tutto il mondo. Di seguito via ai concerti sul palco posto nel giardino esterno del Surfer Joe, dove saliranno a ruota alcune tra le migliori proposte indipendenti del territorio, ovvero: Orchestrino, Los Cornejo, Biffers, Family Conflict, Unadasola e Com’è profondo il mare (tributo a Lucio Dalla con Luca Guidi, Giorgio Mannucci, Giulia Pratelli e altri musicisti).

«Fin dalla nostra prima edizione del 2014 – continua Valdambrini - ci siamo sempre impegnati per offrire un evento, a ingresso gratuito, che possa essere di interesse per un pubblico eterogeneo, come appunto il programma di concerti presentato nel corso della giornata. Nella scelta delle band, in linea con il lavoro che facciamo da diversi anni, valorizziamo il sottobosco della scena musicale livornese e non solo, cercando di dare spazio a quelle band che hanno molto da far ascoltare e un grande carico artistico, pur se ancora non calcano palchi grandi. Questo è quello che facciamo tutto l’anno, per supportare la scena indipendente e chi fa musica inedita. Ci auguriamo che il tempo sarà buono il 1° maggio, ma in caso contrario abbiamo pronto il piano B per realizzare i concerti al chiuso, al primo piano del nostro locale».

Dal brass jazz dell’Orchestrino (formata da Filippo Ceccarini, Tony Cattano, Beppe Scardino, Glauco Benedetti, Simone Padovani, Daniele Paoletti) si passerà per i ritmi latini dei fratelli Los Cornejo (Agustin, Joaquin e Jeremias Cornejo), virando poi sul fresco punk rock dei livornesi Biffers (Dario Iacoponi, Tommaso Bandecchi, Pasquale Fiorillo, Francesco Benvenuti), quindi spazio al particolare intreccio di generi, tra il jazz e il noise rock con accenni di rap dei Family Conflict (Paolo de Viti, Pietro Borsò, Matteo Bonti, Zeno Marchi, Fro Lausen). E ancora, le poesie che incontrano l’elettronica nel mondo degli Unadasola (Arianna Lorenzi e Francesco Tommasi), fino al concerto finale: l’omaggio alle canzoni, l’ironia e la poesia di Lucio Dalla interpretato da Luca Guidi, Giulia Pratelli e Giorgio Mannucci e intitolato Com’è profondo il mare.l



Primo piano
Lo strazio

Morte di Mattia Giani, la fidanzata Sofia: «Sarai l’amore della mia vita, proteggimi per sempre»