Il Tirreno

Livorno

Cerca lavoro: le offerte in Toscana
Il progetto

Livorno, al posto del Dolli arriva la Pasticceria Gonnelli 2: quando si parte e i posti di lavoro previsti

di Francesca Suggi
Livorno, al posto del Dolli arriva la Pasticceria Gonnelli 2: quando si parte e i posti di lavoro previsti

Livorno, l’imprenditore: «Rilanceremo piazza Grande». Le istruzioni per candidarsi

28 marzo 2024
4 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Dalle colazioni alla post discoteca. Per quando aprirà, nell’autunno prossimo, il “Big” quel maxi locale al primo piano del Palazzo Grande che un tempo ospitava il cinema multisala. Sicuramente sarà la Pasticceria Gonnelli 2 a prendere il posto degli spazi del Dolli di piazza Grande svuotati nelle settimane scorse da parte dell’ultima gestione. La firma è ancora quella dell’imprenditore Simone Gonnelli. Si butta in una nuova sfida che porterà anche 15 posti di lavoro in più (nell’ambito della ristorazione) e che dai primi di maggio tornerà ad accendere le luci, per ricreare quel salotto buono che un tempo era piazza Grande e quella parte di centro città da troppo tempo dimenticata e degradata.

Un cuore cittadino che il signore dei locali labronici vuole far tornare a battere. Lui che da qualche giorno è indaffarato a ridare un’anima duratura allo storico bar Dolli. «Ci vuole coraggio me ne rendo conto, ma la città va valorizzata, soprattutto il centro: questo nuovo investimento è molto legato ovviamente alla partenza in autunno del locale attiguo che aprirà all’ex cinema Grande: qui in piazza Grande replichiamo la qualità della Pasticceria Gonnelli di piazza Attias e in più questo nuovo spazio potrà fungere anche da pre discoteca o post discoteca», afferma lui che ha deciso di raddoppiare la qualità e il successo della Pasticceria di piazza Attias in quei 500 metri quadri all’ombra del Duomo.

Dalle colazioni a sera

Dalle colazioni al pranzo (e quindi ristorazione a buffet a prezzo fisso) fino all’intrattenimento serale con aperi-buffet. La parte della pasticceria sarà prodotta nel laboratorio di piazza Attias e poi portata in piazza Grande. Si vanno a riaccendere le luci di un locale che è un pezzo di identità cittadina: le porte storiche del Dolli chiusero nel 2019. Successivamente l’apertura di quelle porte in una nuova veste molto a stelle e strisce, con l’insegna del Surfer Joe. Dopo un po’ di tempo i nuovi gestori decisero di lasciare il centro per mantenersi concentrati sul loro locale numero uno alla Terrazza Mascagni. In tempi recenti nuovi volti e nuova scommessa, riprendendo il nome storico del bar Dolli. Anche questa esperienza finisce dopo pochi mesi e adesso si cambia ancora, all’insegna della dolcezza, del ristoro e della musica di intrattenimento.

«A parte i prodotti di pasticceria di qualità, pensiamo a una gelateria a vista, a ordinazioni nella saletta tramite Qrcode: e sempre nella saletta penso a eventi privati, oppure intrattenimento musicale», continua ancora Gonnelli. Al momento c’è un gran lavoro da fare per sistemare il locale. Per acquistare nuovi macchinari e procedere con un bel restyling. Il verde petrolio sarà il colore dominante come in piazza Attias. «Sono innamorato di questo colore», ci scherza su l’imprenditore che nella sua geografia dei locali cittadini ha deciso di fare dei cambiamenti per concentrarsi sui nuovi investimenti. «Sto già pensando a come impostare la ristorazione - va avanti - considerando anche i tanti croceristi che arrivano proprio dietro al locale con i bus: vorrei fare un menù buffet a prezzo fisso, qualcosa tipo 9,90 euro e poi la sera puntare sul momento dell’aperitivo con intrattenimento musicale nella saletta, sempre a prezzo fisso».

In autunno parte la disco

L’imprenditore investe sull’ex Dolli proprio perché lì accanto c’è la sua altra maxi scommessa da oltre un milione di euro che porta avanti insieme ai soci Michele Bardi e Leonardo Marradini, della No more Movie, società titolare del progetto.

Quel “Big” che doveva aprire nel dicembre 2022. Poi tra lavori importanti e complessi, burocrazia, carte e documentazione da aggiornare e integrare, permessi, autorizzazioni, equilibri, i tempi sono slittati in avanti. Ma la nuova data di inaugurazione è certa: parola di Gonnelli. Non sono neppure mancate le polemiche contro questo progetto.

«In autunno si parte: l’investimento sull’ex bar Dolli è legato a questo progetto del Palazzo Grande», continua. Nell’ex cinema multisala di Palazzo Grande quindi nessun passo indietro: troveranno posto una variegata area food. Quella che era la sala Vespucci diventerà un grande salone in cui saranno organizzate serate discoteca, concerti e convegni.

Fuori dalla Vespucci ci sarà un’area dedicata alla ristorazione, appunto, pensata col design di un giardino esterno.

Cuochi, personale di sala e baristi Ecco dove inviare le candidature  

Una nuova vetrina che si illumina porta sempre con sé tanti aspetti positivi. Da una parte si riqualifica una zona della città, che sia una strada, una piazza, un rione. Dall’altra si tratta di investimenti che spesso portano occupazione. Posti di lavoro. Assunzioni non sempre stagionali e a tempo determinato. Ed infatti la nuova Pasticceria Gonnelli 2 che inaugurerà i primi di maggio in piazza Grande a firma Simone Gonnelli da subito necessita di una quindicina di addetti tutti da trovare. Si tratta di personale nell’ambito della ristorazione e quindi chef, aiuto cuochi, personale di sala, baristi, camerieri e bar tender. Esperienza o senza? A spiegare le caratteristiche fondamentali richieste è direttamente l’imprenditore: «Visto il periodo dell’anno e la prossima apertura sarebbe meglio con esperienza: comunque dico sempre che siamo una grande squadra e non abbiamo problemi a formare il personale anche internamente, quindi se c’è voglia di lavorare in un locale con queste caratteristiche fatevi pure avanti». Curriculum e candidatura da inviare all’indirizzo mail info@torredicalafuria.it.

Primo piano
La protesta

Carrara, in migliaia allo sciopero dopo le frasi choc dell’imprenditore Franchi. La sorella di una vittima sul lavoro: «Sono qui per difendere chi non può più farlo»

di Luca Barbieri