Il Tirreno

Livorno

Il caso

Caso Denny: misura cautelare scaduta, ma ora la procura fa ricorso al Riesame

di Stefano Taglione
Denny Magina
Denny Magina

Arresto per omicidio preterintenzionale annullato dal gip: nessun ritardo, ma il giudice per le indagini preliminari ha retrodatato i termini

27 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Livorno L’arresto di Hamed Hamza – il trentaquattrenne tunisino indagato per omicidio preterintenzionale per aver sferrato un pugno al ventinovenne Denny Magina, facendolo precipitare dal quarto piano di un alloggio popolare di via Giordano Bruno – è venuto meno perché sono scaduti i termini della misura cautelare in carcere chiesta dalla procura e accolta dal tribunale. Non per un ritardo, ma a causa della retrodatazione dei termini che, in base a quanto previsto dall’articolo 297 comma 3 del codice di procedura penale, “tornano indietro” al novembre 2022, quando fu arrestato su richiesta del pm Giuseppe Rizzo.

È quanto emerge dagli atti dell’inchiesta: l’arresto di Hamza, infatti, tre giorni fa è venuto meno perché il gip Mario Profeta ha ritenuto i due fatti contestati (l’omicidio preterintenzionale e lo spaccio di stupefacenti) strettamente connessi, circostanza che ha fatto slittare al 12 novembre 2022, quindi li ha retrodatati, i termini della custodia cautelare, che ora appunto risulta scaduta.

Un meccanismo di garanzia previsto dal nostro sistema giudiziario. La procura, in ogni caso, ritiene che l’omicidio non sia strettamente legato allo spaccio, motivo per il quale ha già impugnato la decisione del gip. «La questione sollevata dal giudice – spiega il procuratore facente funzione, Massimo Mannucci – è puramente giuridica e riguarda il calcolo dei termini di custodia cautelare in caso di connessione fra i diversi reati. Quella adottata è una decisione che segue un orientamento giurisprudenziale suscettibile di diversa interpretazione e pertanto la procura ha già presentato appello al tribunale del riesame di Firenze».

Hamza è tuttora in carcere a Lucca per spaccio di droga e la misura cautelare disposta all’epoca, al momento, risulta valida fino all’ottobre del 2025. l

S.T.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Lo studio

Comuni più ricchi d’Italia, una sorpresa in Toscana – La classifica completa e i dati per ogni regione