Il Tirreno

Livorno

Sos furti

Livorno, sfonda l'ingresso di "Chez Ugo" con un cartello stradale e ruba 200 euro

di Stefano Taglione
Sullo sfondo "Chez Ugo" e in primo piano il cartello stradale utilizzato per sfondarne l'ingresso
Sullo sfondo "Chez Ugo" e in primo piano il cartello stradale utilizzato per sfondarne l'ingresso

Il colpo nella pizzeria sugli scali del Monte Pio, in Venezia: sul posto per le indagini è intervenuta una volante della polizia

24 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Ha spaccato la vetrata della pizzeria con un cartello della segnaletica stradale, utilizzato per indicare un divieto di sosta. Colpo in Venezia, sugli scali del Monte Pio, al ristorante “Chez Ugo”. Un ladro – apparentemente straniero, con ogni probabilità nordafricano, almeno in base alle immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza interno – ha infatti spalancato la saracinesca per poi infrangere il vetro della porta principale del locale, che per fortuna nel corso della giornata di ieri era già stato prontamente sostituito.

Il raid è avvenuto poco dopo le 3 della notte di domenica 24 marzo e ad accorgersi di quanto accaduto in mattinata è stata un’addetta alle pulizie, che dopo essere entrata per iniziare la giornata lavorativa ha immediatamente avvertito il 112.

Dalla sala operativa di viale Boccaccio è poi sopraggiunta una volante della questura, con gli agenti che hanno verificato i danni e parlato con il responsabile del ristorante, nel frattempo a sua volta avvertito dalla dipendente. Nessun commento da parte del titolare, che preferisce non entrare del dettaglio di quanto accaduto.

L’ammanco denunciato è pari a 200 euro: sono i soldi spariti dal registratore di cassa del ristorante, quel poco che il responsabile dopo aver chiuso poche ore prima aveva lasciato per consentire ai dipendenti di fare i resti ieri a pranzo, quando la pizzeria del quartiere della Venezia ha riaperto i battenti. Sul furto indagano i poliziotti della squadra mobile.l
 

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole