Il Tirreno

Livorno

L’operazione

Livorno, sequestrati 27 chili di cocaina: erano nascosti tra le banane di un container stoccato all’Interporto

Livorno, sequestrati 27 chili di cocaina: erano nascosti tra le banane di un container stoccato all’Interporto

Guardia di finanza e Agenzia delle Dogane hanno intercettato un carico suddiviso in 25 panetti

09 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Con il sequestro di 25 panetti di cocaina per un peso complessivo di 27 chili di cocaina pura, è stato inferto un altro significativo colpo nella lotta al narcotraffico da parte dei funzionari del locale Reparto Antifrode dell’Ufficio delle Dogane di Livorno e dai Finanzieri del Gruppo di Livorno.

Alla volontà dei narcotrafficanti di rendere l’area portuale di Livorno un punto di facile approdo fanno da scudo i controlli antidroga per individuare - tra le innumerevoli spedizioni dal Sud America - quelle utilizzate per celare abilmente le partite di sostanze stupefacenti. Il rinvenimento, a fine gennaio, di circa 27 chili complessivi di cocaina conferma l’efficacia dei dispositivi di controllo, incentrati sull’efficienza del binomio analisi dei rischi e azione operativa a tutto campo mediante gli strumenti in dotazione all’Agenzia, nonché all’abilissimo olfatto dei cani antidroga utilizzati dal Gruppo della Guardia di Finanza di Livorno.

Anche in questo caso, i narcotrafficanti hanno cercato di sfruttare i traffici commerciali leciti per celare abilmente 25 panetti di cocaina all’interno di un container frigo proveniente dall’Ecuador che era stato stoccato presso l’interporto di Collesalvetti-Guasticce. Questa volta i panetti di cocaina erano nascosti nella zona motore del contenitore frigo, che trasportava banane, merce che, una volta sbarcata, segue tempistiche molto ristrette per preservare la cd “catena del freddo”. Gli stratagemmi dei malavitosi di recuperare la cocaina sono stati vanificati dall’esperienza e della professionalità dei reparti di ADM e GdF, anche grazie alla rinnovata sinergia operativa siglata nell’ambito del protocollo d’intesa di marzo 2023.

Lo stupefacente risultato di assoluta purezza, come confermato dalle analisi effettuate dal locale Laboratorio chimico dell’Agenzia delle Dogane e quindi di alto valore, atteso che sarebbe stato tagliato con altre sostanze anche 4 volte, verrà distrutto presso un inceneritore in Toscana e così strappato alle piazze di spaccio ove avrebbe fruttato, alla criminalità organizzata, oltre 100 mila dosi per un valore complessivo superiore ai 10 milioni di euro. I controlli esperiti dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Livorno e dai funzionari del locale Reparto Antifrode dell’Ufficio delle Dogane, anche in questa area limitrofa allo scalo mercantile labronico, hanno consentito di raggiungere un nuovo importante risultato nella lotta al narcotraffico. Le attività svolte sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Livorno che ha convalidato l’azione di polizia giudiziaria e disposto gli approfondimenti del caso.

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative