Il Tirreno

Livorno

L’operazione

Livorno, sequestrati in porto migliaia di giubbotti e gilet non conformi: maxi multa per l’importatore

Livorno, sequestrati in porto migliaia di giubbotti e gilet non conformi: maxi multa per l’importatore

I funzionari dell’Agendia delle Dogane hanno controllato una partita di 7.766 capi d’abbigliamento

08 febbraio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. I capi d’abbigliamento avevano etichette non conformi, per questo 7.766 capi (4.981 giubbotti e 2.785 gilet da lavoro) sono stati sequestrati dai funzionari del reparto controlli allo sdoganamento dell’ufficio delle Dogane di Livorno.

L’esame documentale della partita di merce insieme ai parametri di rischio generati dal circuito doganale di controllo a livello centrale, hanno indotto i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a effettuare un approfondimento con verifica fisica della merce, che ha confermato le irregolarità. Infatti i capi di abbigliamento, etichettati come dpi, sono risultati privi della prescritta dichiarazione di conformità e del fascicolo tecnico e riportavano la marcatura cosiddetta “china export”, tale da indurre in errore sia le autorità di controllo che i consumatori.

Si è quindi proceduto al sequestro amministrativo dell’intero carico ed è stata comminata la sanzione amministrativa prevista che va da un minimo di 5.000 a un massimo di 30.000 euro. La società importatrice si è comunque resa disponibile alla conformazione sotto vigilanza doganale dell’etichettatura.

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative