Il Tirreno

Livorno

La storia

Livorno, Sabrina e il villaggio di Natale nel salotto di casa

di Franco Marianelli
Livorno, Sabrina e il villaggio di Natale nel salotto di casa

Sabrina Meini, livornesissima, da anni vive al Gabbro e racconta il suo mondo incantato: «Luna park, piste da sci e pattinaggio, seggiovia, scuola, ospedale: chi vuole può vederlo»

30 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Livorno Il villaggio di Babbo Natale, quello che incanta e ti catapulta in un mondo magico ? È al Gabbro. Esattamente nella casa di fronte al campanile nella piazza centrale del paese (tanto per rendere più mistica la cosa).

L’ ingresso è gratuito, per accederci suonare al campanello coi nomi Meini-Favilli. A far concorrenza ai villaggi più commerciali ci ha pensato Sabrina Meini, nella vita funzionaria dello Stato Civile del Comune di Livorno, labronica purosangue ma residente da tempo con il marito Gianluca Favilli nel paese di Nada.

Non chiedete cosa ci sia nel villaggio di Sabrina perché è più pratico chiedere cosa manca. Ovvero niente. Una stanza dell’appartamento di tre metri per quattro è completamente dedicata al villaggio. È il salotto. L’impatto è quello di un’isola alla quale si accede tramite passerella per immergersi subito in una Luna Park comprensivo di tutte le attività possibili.

Limitrofo al Luna Park una pista di sci e una di pattinaggio. Giri l’angolo e spunta una seggiovia. Non manca ovviamente il paese con tutte le sue attività: la scuola, l’ospedale, il comune così come non mancano le persone sparpagliate in tutte le diverse attività.

Ma come è venuta questa passione a Sabrina Meini?

«Ce l’ho da sempre -risponde – ma senza l’ausilio tecnico di mio marito, che di fatto svolge le funzioni di elettricista del villaggio e “manovale” per tutto il resto, non sarei stata capace di realizzarlo. Io la mente – ci scherza su-lui il braccio».

Il racconto è un mix di aneddoti e pezzi di vita vissuta. «Pensi che mi sveglio di notte, mi viene in mente una cosa da aggiungere, lo sveglio e gliela propongo».

Ormai quel villaggio incantato è una parte della sua vita. Recentemente in casa Meini-Favilli è passata pure una delegazione della Pro loco gabbrigiana che ha suggerito di rendere pubblico l’accesso al villaggio con il nulla osta ovviamente dei padroni di casa. E la premiata ditta Meini-Favilli non nega cotanta bellezza. Anzi si rende disponibile ad aprire la porta per farla ammirare. A grandi e piccini.

Chi volesse visitare il villaggio di Natale della famiglia Meini-Favilli può quindi contattare Sabrina Meini al numero di telefono di 3479045782.

«Nel villaggio c’è pure un una presenza umana – chiude la padrona di casa – ed è il gatto Romeo perfettamente integrato nel villaggio. Per ora non ha rotto niente».l

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative