Il Tirreno

Livorno

Sos furti

Spaccata dall’estetista: «Il mio negozio chiuso da appena cinque minuti»

di Stefano Taglione
Il centro estetico "Elizabeth"
Il centro estetico "Elizabeth"

Il colpo da "Elizabeth" in viale Italia, di fronte alla Terrazza Mascagni. La titolare: «Rubano per fame, la situazione peggiorerà»

23 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Aveva chiuso da cinque minuti. Poi, mentre andava a far la spesa all’Esselunga, una condomina l’ha chiamata dicendole che un uomo le aveva spaccato la vetrata rubandole il fondo cassa. Raid nel centro estetico Elizabeth di viale Italia, proprio di fronte alla Terrazza Mascagni, dove nel tardo pomeriggio di venerdì 22 dicembre si è consumato un furto. Un malvivente – descritto come di carnagione scura e robusto – si è infatti impossessato di 50-60 euro contenuti nel registratore fiscale, facendo immediatamente perdere le sue tracce. Niente, purtroppo, hanno potuto fare i poliziotti delle volanti una volta giunti sul posto per rendersi conto della situazione e ascoltare la titolare dell’attività commerciale, la paraguaiana Elizabeth Espinoza. «Ero uscita alle 18,40 – le sue parole – e alle 18,45 ha spaccato tutto. Stava sicuramente aspettando che andassi via e credo che abbia agito per fame, visto che gli interessavano solo i soldi. Non ha preso nient’altro».

Per Espinoza, il problema, non sono i 60 euro mancanti, ma il vetro rotto. Che le è costato molto di più. «Purtroppo il proprietario del fondo – prosegue – ha tolto la saracinesca, che penso potesse essere molto utile. È la prima volta che subisco un furto e considerando lo scenario che ci circonda, fatto sempre più di povertà, la situazione non migliorerà. Succederà come in Sudamerica, e lo dico io che sono del Paraguay: le persone ruberanno sempre più per fame e dovremo chiudere alle 18 perché sarà pericoloso restare aperti». 
 

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative