livorno
cronaca

Quelle magiche notti al Ciucheba. Foto d’epoca e migliaia di fan

L’ex cuoca Tamara Regoli ha creato un gruppo Facebook dedicato: «Gli anni più belli della mia vita»


30 gennaio 2022 Alessandra Bernardeschi


CASTIGLIONCELLO. Il gruppo privato creato su Facebook conta 1315 iscritti. Tutte persone, più o meno, che negli anni della Castiglioncello dorata frequentavano il Ciucheba Club. Più di una discoteca, un mito che ancora oggi resiste nonostante il locale sia chiuso da circa vent’anni, nonostante l’immobile in pineta Marradi sia diventato un rudere.

Un mito che ha il sapore delle notti d’estate quando, tra gli anni’80 e’90, non c’era personaggio famoso che non passasse, almeno una volta, da quel locale affacciato sul lungomare di Castiglioncello. Gino Paoli, Giorgio Albertazzi, una giovanissima Gianna Nannini, Franco Califano, Enzo Trapani, Renato Zero, Roberto, Benigni, Diego Abatantuono solo per citarne alcuni. Una nostalgia che rimane attaccata alla memoria di chi ha vissuto quegli anni dove tutto sembrava possibile.

Lo racconta, anche attraverso le immagini, Tamara Regoli, o semplicemente Tamara. Conosciuta come la bravissima cuoca che ha trascorso più di tre anni della sua vita a preparare piatti prelibati per il ristorante del Ciucheba. Fotografie, per lo più scattate dal marito Roberto Talini, scomparso nel 2010, anche lui persona conosciuta, dj che ha fatto ballare generazioni di giovani.

«Era lui che scattava le foto – racconta Tamara Regoli – perché io, in verità, stavo in cucina dalle 18 fino anche alle 8 del mattino dopo». Era proprio la cucina il luogo dove avvenivano le gag più divertenti. «Eravamo nei primi anni ’90 e non c’erano tutte le regole sanitarie che ci sono oggi. Le persone potevano entrare in cucina a salutare. Attori, registi, cantanti e tutti gli ospiti di Mauro Donati, patron del Ciucheba, passavano da noi. Per me è stato un luogo di lavoro ma mai mi sono divertita così tanto».

La sera del trentennale «fu indimenticabile – continua Tamara – e molte fotografie che ho postato su Facebook si riferiscono a quella notte; c’erano tutti. Dagli sportivi più famosi, agli attori e registi del cinema, dai comici ai cantanti. Mauro era un grande scopritore di talenti, e aveva sempre il cervello in subbuglio, un anfitrione che non si fermava mai, dal cuore grande. Ne inventava sempre una nuova».

Come quando «gli venne l’idea di prendere una piccola Ape della Piaggio, di tingerla di giallo con la scritta “Taxi Ciucheba”. Gli attori salivano e lui partiva per un giro in piazza della Vittoria». Poi i tornei di tennis: «Un anno vinse Franco Nero. Molto spesso alcuni dei suoi amici dormivano al Ciucheba, anche Diego Abatantuono: la mattina si alzava e veniva a fare colazione da noi». Gli eventi venivano programmati soprattutto in estate; tra questi anche La Corrida: «Tanti gli attori e i cantanti che vi hanno partecipato per divertimento.

Aprivamo il locale alle 18,30 per preparare i piatti per il ristorante. Qualche volta la mattina alle 6 ci chiedevano gli spaghetti all’amalfitana: pomodoro, aglio e origano. Per scherzare, vista l’ora, mandavo gli spaghetti accompagnati da un biglietto: “La cucina ringrazia” e tutti a ridere». Tra gli ospiti Renato Zero: «Una persona speciale, ho conosciuto tutta la sua famiglia», ma anche Franco Oppini assieme ad Alba Parietti. «Ho sempre frequentato il Ciucheba anche prima di lavorarvi come cuoca – continua Tamara – e lì ho conosciuto Renato Pozzetto, Lucio Dalla e tantissimi altri personaggi famosi. Negli anni ho incontrato anche tanti giovani, tutti orgogliosi di lavorare al Ciucheba». Anni indimenticabili, quando i giovani arrivavano e si mettevano in fila davanti al piccolo portone che si apriva sulla pineta. «Ho tante locandine disegnate da Donati, non riesco a gettarle: è stato uno dei momenti più belli della mia vita», dice Tamara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.