Il Tirreno

Livorno

come gestire i rifiuti 

Diecimila livornesi chiusi in casa: per loro niente differenziata

Diecimila livornesi chiusi in casa: per loro niente differenziata

Aamps consegnerà un manuale insieme al kit speciale a tutte le famiglie in quarantena indicate dall’Asl

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Negli ultimi dieci giorni hanno scoperto di essere positivi 1520 livornesi. Tutti adesso si trovano in isolamento, mentre le loro famiglie e gli altri contatti stretti sono in quarantena.

A loro vanno aggiunti tutti i positivi precedenti che ancora non si sono negativizzati.

Un calcolo approssimativo indica in oltre diecimila le persone che in città sono adesso costrette a stare a casa. E il numero è destinato a crescere nei prossimi giorni, fino a quando la curva dei contagi non smetterà la sua salita.

Tra i numerosi disagi che queste persone devono affrontare c’è anche quello legato allo smaltimento della spazzatura. Per questo Aamps e Comune hanno redatto una nuova mini-guida per il corretto conferimento dei rifiuti prodotti dai cittadini nelle singole abitazioni. Si tratta di un volantino rivolto ai cittadini risultati positivi al tampone o in quarantena obbligata, che sarà consegnato insieme al kit “Covid-19” che gli operatori portano a domicilio ai cittadini indicati dall’Asl.

«Si tratta di un’operazione che mira a tutelare ulteriormente la salute dei cittadini così come quella dei lavoratori impegnati quotidianamente sul campo nella raccolta dei rifiuti», spiega Aamps.

Tre le regole base: 1) Interrompere la differenziazione dei rifiuti prodotti in casa; 2) Attivare esclusivamente la produzione di rifiuti indifferenziati; 3) Utilizzare il kit dedicato per disfarsi dei rifiuti indifferenziati. Per informazioni 800-031.266 (da rete fissa), 0586/416.350 (da rete mobile).

QUANDO

Il servizio è attivo 2 volte alla settimana (i giorni sono indicati dall’operatore al momento della consegna del kit dedicato). Il kit è composto da sacchi neri piccoli, sacchi neri grandi e nastro adesivo.

la gestione

L’utenza in isolamento o quarantena deve indossare i guanti monouso (non forniti), inserire uno dei sacchi neri piccoli in un altro sacco nero piccolo per rafforzarne lo spessore, prendere i rifiuti e mettili nel sacco nero piccolo “rinforzato”.

E ancora: sigillare il sacco nero piccolo con cura utilizzando il nastro adesivo, inserire i sacchi neri piccoli nel sacco nero grande, sigillare il sacco nero grande con cura utilizzando il nastro adesivo. Infine espore il sacco nero grande in verticale nel luogo e nei giorni/orari concordati con gli operatori.

È importante non effettuare le operazioni di conferimento dei rifiuti a mani nude e poi inserire i guanti usati in un sacco nero piccolo da esporre una volta riempito.

I sacchi neri possono essere esposti in un’area pubblica solo nel momento in cui l’operatore si appresta al ritiro.

Una volta esauriti è possibile chiedere all’operatore del “Servizio Covid-19” la fornitura di ulteriori sacchi neri piccoli o grandi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Incidenti stradali

Prato, perde il controllo della moto e si schianta contro un albero: morto a 49 anni