Il Tirreno

Livorno

il lutto 

Addio Misa, farmacista gentile: «Insegnava a tutti l’umanità»

Matteo Scardigli
Addio Misa, farmacista gentile: «Insegnava a tutti l’umanità»

Livorno, era titolare della farmacia di famiglia in via del Mare ad Ardenza. Era stata anche professoressa all’Enriques

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. La città piange la sua Misa, storica professoressa dell'Enriques e per oltre 20 anni farmacista gentile di Ardenza.

Maria Luisa Culla era nata il 3 luglio del 1939 a Collagna, in provincia di Reggio Emilia. Da bambina si era trasferita a Livorno, dove ha abitato praticamente per il resto della vita (con l’eccezione di un periodo trascorso a Torino) e dove infine si è spenta nel pomeriggio di mercoledì, quando il suo cuore ha ceduto all’età di 82 anni.

Per tanti anni aveva insegnato al liceo scientifico Federigo Enriques, e molti sono gli alunni che erano rimasti legati alla professoressa del cuore.

E tanti tornavano a trovarla al bancone della farmacia di via del Mare, dove in più 20 anni ha servito generazioni di livornesi; sempre con cortesia e gentilezza, e un sorriso sulle labbra.

Aveva vissuto a lungo in Banditella, dove si era prodigata nel volontariato di quartiere. Poi si era trasferita all’Ardenza, quartiere in cui aveva saputo farsi amare e benvolere da tutti, e dove ha saputo creare e consolidare quella che ancora oggi rimane l’attività di famiglia: la farmacia Culla, un vero e proprio punto di riferimento a Livorno.

Negli anni era riuscita a coltivare le grandi passioni per l’arte e per la storia di Livorno (pur serbando nel cuore il ricordo della terra natale), diventando profonda conoscitrice di entrambe e componente attiva di gruppi di approfondimento culturale, sempre inserita nel tessuto della città.

«Ci lascia una grande insegnamento di umanità», racconta il figlio Federico Frullano, titolare del punto vendita. E un grande vuoto nella comunità ardenzina e non solo: «Ha sempre avuto una grande cura per il prossimo, sia nella professione di insegnante che in quella di farmacista. Ecco perché era molto conosciuta e amata da tutti i livornesi».

Negli ultimi anni si era infine trasferita di fronte alla terrazza Mascagni, anche se tornava spesso nella sua Ardenza dove aveva conservato affetti e amicizie.

Nel corso del 2021 aveva attraversato un rapido declino, ma fino all’ultimo aveva conservato carattere e lucidità. E anche quando, sul finire, il dono della parola le era venuto meno, riusciva ad essere madre e nonna per i due figli, le due nuore e i tre adorati nipotini per un ultimo Natale.

Maria Luisa Culla è stata trasportata alla cappella dell’ospedale fino al funerale. Le esequie sono fissate per le ore 15 di oggi alla chiesa di San Simone (in piazza San Simone) nella sua Ardenza, presso la quale era fervente parrocchiana.

La salma verrà infine portata alla Cigna, presso il cimitero comunale dei Lupi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Il fenomeno

Boato sulla costa, l’ipotesi-bolide: i dati e la prima analisi su cosa ha spaventato mezza toscana

di Luca Centini