Il Tirreno

Livorno

Muore a 73 anni ex informatore farmaceutico e padre di tre figli

Stefano Taglione
Riccardo Rosi, morto a 73 anni
Riccardo Rosi, morto a 73 anni

Livorno: Riccardo Rosi era molto conosciuto anche come pescatore. Il figlio Andrea: «Veniva a trovarci in Messico, si era fatto una casa»

30 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. La pesca è stata una delle sue più grandi passioni. Gliel’aveva trasmessa il padre Bruno e lui da buon babbo l’ha fatta entrare pure nel cuore del figlio Andrea, che d’inverno fa le battute a Puerto Escondido, in Messico, dove ormai da 17 anni vive e ha comprato una casa. Questo è stato il primo anno in cui è rimasto a Livorno, per stare vicino a suo papà malato, che alle 2 della notte fra giovedì 29 e venerdì 30 aprile purtroppo se ne è andato per sempre.

Livorno piange Riccardo Rosi, 73 anni, informatore farmaceutico molto conosciuto in città e amante oltre ogni cosa della pesca sportiva. La passione, appunto, che ha trasmesso anche al resto della famiglia.

Riccardo – in pensione da una decina d’anni – stava combattendo da qualche tempo contro una malattia. In ospedale è stato operato diverse volte negli ultimi mesi, da quando a dicembre le sue condizioni di salute sono peggiorate all’improvviso. «Purtroppo – dicono i familiari – ogni settimana subentravano delle complicanze sempre più difficile da gestire».

Ma non gli è mai mancato l’affetto della moglie Manuela Veracini e dei figli: non solo di Andrea, che per la prima volta da 17 anni è rimasto a Livorno rinunciando all’America. «Non sarei mai partito, anche se chiaramente l’emergenza Covid-19 sarebbe stata comunque a prescindere un grosso ostacolo per spostarsi dall’Europa all’America. Dovevo stare vicino a mio padre e lo avrei fatto anche senza la pandemia, avevo già deciso a settembre quando non stava ancora male e non potevamo certo pensare a questo tragico epilogo».

Riccardo lascia la moglie, i figli Andrea, Camilla (gemelli) e Filippo, oltre a due nipoti di dieci e tre anni (i figli di Andrea) a cui era affezionatissimo. Per stare loro vicino, d’inverno, aveva anche costruito una casa in Messico, sempre a Puerto Escondido, dove di volta in volta si recava per stare vicino alla sua famiglia. «Era un amante del mare, anche del surf – racconta Andrea – e quando veniva a trovarmi stava benissimo, l’America gli piaceva tanto. Mi ha trasmesso la passione per la pesca con la sua barca e i palamiti. Mio nonno Bruno in questo senso ha fatto da apripista, contagiando lui e portandolo a pescare. Con mio babbo, da piccolo, sono uscito in barca tantissime volte».

Un amore sbocciato all’improvviso, invece, quello per il Messico. Andrea era «partito per stare bene, poi mi è piaciuto e ci sono rimasto a vivere d’inverno». E suo padre, con la famiglia, spesso andava a trovarlo. Amante di tutti gli sport acquatici, con il figlio e gli amici parlava anche di calcio. Un’altra passione. Riccardo è morto nella sua abitazione fra Montenero e Castellaccio, dove si era trasferito dal novembre scorso, ma per vent’anni ha vissuto ad Antignano, di fronte alla spiaggia del Sale. «Vicino al mare che amava tanto», conclude Andrea. Centinaia i messaggi e le telefonate di cordoglio che da ieri mattina, da quando si è diffusa la notizia della morte di Riccardo, la famiglia ha ricevuto. Perché l’ex informatore farmaceutico, livornese doc, era conosciutissimo in città.
 

Primo piano
Il brutto gesto

Vandalizzate quattro sculture di Giò Pomodoro in mostra a Pietrasanta