Il Tirreno

Livorno

nelle vicinanze 

Anche la Lega manifesta «Noi dalla parte della polizia»

Anche la Lega manifesta «Noi dalla parte della polizia»

Il consigliere Alessandro Perini «Noi ci schieriamo al fianco delle forze dell’ordine perché queste persone strumentalizzano un dramma»

27 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. «Noi siamo qui in piazza a manifestare in sostegno degli agenti: siamo al loro fianco. Queste persone stanno strumentalizzando una tragedia per screditare la polizia. Non è giusto: con questo sit-in vogliamo testimoniare la nostra solidarietà alle forze dell’ordine e chiediamo al più presto il ripristino della legalità e della sicurezza nei nostri quartieri. La città non deve restare in mano alla delinquenza».

A parlare è Alessandro Perini, il consigliere comunale della Lega che poco dopo l’annuncio della manifestazione della comunità tunisina ha organizzato un controsit-in a pochi metri di distanza, sempre in piazza della Repubblica, per esprimere solidarietà agli agenti delle volanti e alla questura in generale. «La nostra non è una provocazione – conclude Perini – e non vogliamo avere alcun contatto con loro». Quando i manifestanti si sono avvicinati, poi fermati dalla polizia, la decina di attivisti del Carroccio è rimasta lì. Andando via quando il gruppo si è poi diretto verso piazza del Municipio. «Questi tunisini che manifestano spieghino cosa avranno mai da protestare – è il pensiero di Marcella Amadio di Fratelli d’Italia – Il sindaco Salvetti che non ha sprecato una parola di solidarietà verso la donna livornese di 73 anni che, nei giorni scorsi, è stata rincorsa da un immigrato, riportando otto giorni di prognosi, che cosa farà? Esprimerà vicinanza ai tunisini? Durante la manifestazione, da parte degli immigrati, sono state lanciate gravi accuse contro le forze dell’ordine. Accuse gravissime, ma senza uno straccio di prove. Il sindaco pensi meno agli immigrati e dia appoggio incondizionato alle forze dell’ordine». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Aiuti

Assegno per il nucleo familiare, scatta la rivalutazione: ecco a chi spetta e gli importi

di Leonardo Monselesan