Il Tirreno

Livorno

Sanità

Ospedali, tre nuovi responsabili di dipartimento a Livorno: chi sono


	Da sinistra: Lorenzini, Gentile e Angiolotti
Da sinistra: Lorenzini, Gentile e Angiolotti

I medici si occuperanno della chirurgia d’urgenza di viale Alfieri e delle degenze brevi dei pronto soccorso del capoluogo, di Cecina e di Piombino

06 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Triplice nomina negli ospedali della provincia livornese. Individuati come nuovi responsabili delle sezioni chirurgia d’urgenza di Livorno Valerio Gentile e della Degenza Breve per alta e media intensità in pronto soccorso Sara Angiolotti (Livorno) e Gianni Lorenzini (Cecina/Piombino). «Con queste nomine – ha sottolineato la direzione aziendale – proseguiamo nel cammino intrapreso da tempo di rafforzamento degli organigrammi dei nostri ospedali. Tant'è che nelle prossime settimane saranno nominati i responsabili di sezione per la degenza breve nei pronto soccorso anche negli ospedali di Massa, Versilia e Lucca. Per quanto riguarda le nuove nomine siamo convinti del fatto che i responsabili individuati, grazie alla loro professionalità e capacità, sapranno migliorare ulteriormente la qualità dei servizi forniti valorizzando tutte quelle competenze già presenti».

Gentile è nato a Livorno nel 1975, si è laureato con lode in medicina e chirurgia nel 2000 per poi specializzarsi in chirurgia generale con indirizzo in chirurgia d’urgenza all’Università di Pisa nel 2006. Ha lavorato prima nel reparto di chirurgia generale dell’ospedale Lotti di Pontedera, in provincia di Pisa, per poi arrivare nel gennaio 2013 in quello livornese dove ha perfezionato l’attività chirurgica con tecnica mininvasiva, sia per patologia oncologica sia per l’urgenza arrivando ad eseguire oltre quattromila interventi.

Angiolotti è nata a Livorno nel 1982, si è laureata con lode in medicina e chirurgia nel 2009 per poi specializzarsi in medicina d’emergenza-urgenza all’Università di Pisa nel 2016. Nel 2018 ha conseguito il master universitario di secondo livello in “Il codice rosa: strategia di intervento per le vittime di violenza” al dipartimento di neuroscienze dell’Università di Siena. Dal 2016 presta servizio all’ospedale di Livorno dove, all’attività di pronto soccorso, ha sempre affiancato quella nella corsia di medicina d’urgenza e dell’Obi, gestendo in prima persona, solo nel 2023, circa duemila pazienti.

Lorenzini è nato a Cecina nel 1983, si è laureato con lode in medicina e chirurgia nel 2008 per poi specializzarsi in medicina interna nel 2014 all’Università di Pisa. Ha lavorato nell’Asl Toscana centro prima di approdare alla nord ovest. È responsabile della Formazione del personale del pronto soccorso di Cecina e Piombino e referente della terapia acuta dell’ictus per gli ospedali di Cecina, Piombino e Portoferraio. Si occupa inoltre di ecografia clinica, di ecografia interventistica e di manovre invasive.

Primo piano
La ricostruzione

Morto in moto a Grosseto, chi era il dentista Lapo Bernardi e la testimonianza: «Ho visto la manovra fatale»

di Maurizio Caldarelli