Il Tirreno

Livorno

Scuola e progetti

A Livorno il liceo Cecioni ricorda don Milani a cent’anni dalla nascita con “La strada che porta a Barbiana”


	Il preside del liceo Cecioni, Rino Bucci
Il preside del liceo Cecioni, Rino Bucci

Il preside Rino Bucci: «I valori sui quali si fondò quell’esperienza rappresentino un messaggio universale di accoglienza e inclusione da preservare».

27 aprile 2024
1 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Il liceo Cecioni, con il patrocinio del Comune, organizza a cento anni dalla nascita di don Lorenzo Milani la conferenza dal titolo “La strada che porta a Barbiana”.  

L’incontro sarà aperto a tutti: studenti, docenti, educatori, genitori, cittadini. Si terrà il 30 aprile, alle 16, al cinema/teatro “Quattro Mori”. Sarà l’occasione per riflettere e rileggere insieme quell’esperienza educativa che continua ancora oggi a parlarci, fondata su metodi didattici non convenzionali, focalizzata sull'esperienza diretta e caratterizzata da un impegno profondo per l'uguaglianza e la giustizia sociale.  

Grazie al successo di “Lettera a una professoressa” la scuola di Barbiana è diventata un

simbolo di speranza e di possibilità per coloro che altrimenti sarebbero stati trascurati dal

sistema educativo. «È il contributo del liceo Cecioni nel centenario dalla nascita di Don Milani – spiega il dirigente scolastico Rino Bucci – nella ferma convinzione che i valori sui quali si

fondò l’esperienza di Barbiana rappresentino un messaggio universale di accoglienza e inclusione da preservare». 

Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»