Il Tirreno

Livorno

L’indagine

Scoperto un B&B abusivo in Capraia gestito da una famiglia svizzera

Scoperto un B&B abusivo in Capraia gestito da una famiglia svizzera

La finanza: «Non ha mai istituito le scritture contabili, mai effettuato alcun adempimento previsto dalla normativa fiscale italiana, omettendo di dichiarare oltre centomila euro di ricavi in nero, con connessi ulteriori acquisti non autofatturati per altri 40mila, nonché violazioni Iva per oltre 15mila».

29 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CAPRAIA. Tutto è partito da un controllo in mare, con una motovedetta della guardia di finanza di Portoferraio, all’Elba, che ha fermato quattro turisti stranieri. Da lì la scoperta di un bed & breakfast totalmente abusivo a Capraia, gestito da due cittadini svizzeri, «con tanto di servizi aggiuntivi come yoga, gite in barca e corsi con gli skipper. Una società che – secondo quanto ricostruito dalle fiamme gialle – «non ha mai istituito le scritture contabili, mai effettuato alcun adempimento previsto dalla normativa fiscale italiana, omettendo di dichiarare oltre centomila euro di ricavi in nero, con connessi ulteriori acquisti non autofatturati per altri 40mila, nonché violazioni Iva per oltre 15mila».

Inoltre – proseguono dal comando provinciale del corpo – «è stata rilevata la violazione dell’articolo 74 della legge regionale 86 del 2016, in quanto l’attività di b&b su Capraia è stata esercitata senza aver mai presentato allo sportello unico per le attività produttive del Comune la Scia, la segnalazione certificata di inizio attività, e i due cittadini svizzeri sono stati segnalati anche alla procura per la violazione dell’articolo 109 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza poiché hanno gestito la struttura senza aver mai provveduto alle comunicazioni delle generalità degli alloggiati previste alla questura. L’attività in argomento evidenzia le potenzialità e trasversalità delle attività di servizio realizzate sistematicamente e in maniera sinergica tra i reparti ordinari del corpo e quelli aeronavali (in questo caso Compagnia di Portoferraio e sezione operativa navale di Livorno).

Primo piano
Lo strazio

Morte di Mattia Giani, la fidanzata Sofia: «Sarai l’amore della mia vita, proteggimi per sempre»