Il Tirreno

Scuola

La maturità dei nostri leader politici: in 4 con il massimo dei voti

La maturità dei nostri leader politici: in 4 con il massimo dei voti

Notte prima degli esami di maturità per 526.317 studenti di tutta Italia: com’è andata quella dei nostri rappresentanti politici più noti

18 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Notte prima degli esami di maturità per 526.317 studenti di tutta Italia: domani (martedì 18), infatti, a partire dalle 8.30 prendono il via i tanto temuti esami. Ma com’è andata la maturità dei nostri politici? Ecco i voti attraverso le interviste raccolte da Skuola.net.

Elly Schlein, segretaria del Pd, si è diplomata nel 2004 in Svizzera, in un indirizzo equiparabile al nostro Liceo Classico, con voto pieno: 110 e lode.

Giorgia Meloni, invece, più volte si è descritta come «un'alunna dalla media alta». Diciamo, molto alta: la premier vanta, infatti, un 60/60 alla maturità linguistica. Il suo vero problema aveva più che altro a che fare con la disciplina: «La condotta era bassa, di solito era 7 al primo quadrimestre, poi 8 al secondo, alla fine me la cavavo», dice Meloni.

Altro studente eccellente è stato Giuseppe Conte (M5s): diploma con il massimo dei voti, 60 su 60), così come la laurea in Giurisprudenza.

60-60esimi anche per Matteo Renzi di Italia Viva.

Per Antonio Tajani (Forza Italia) maturità con la votazione di 48/60 e la laurea in Giurisprudenza con il voto di 108 su 110. 'La notte prima della prima prova ero tranquillo, ma sono rimasto sveglio quella prima della versione di greco», racconta rispondendo a una domanda dell'Adnkronos. «La

versione di greco è stata un'ecatombe. Me la ricordo ancora, è stata un disastro. Avevo la prima della classe davanti a me, ma anche lei è stata in difficoltà».

Matteo Salvini, leader della Lega, racconta di aver conseguito la maturità con «48 su 60» al liceo Manzoni di Milano.

Sogni e racchette
Tennis

Wimbledon, si infrange il sogno di Jasmine Paolini: «Sono triste, ma devo sorridere. È stata una bella giornata»

I tifosi

Jasmine Paolini, la delusione al circolo Mirafiume per la sconfitta nella finale di Wimbledon

Sport