Il Tirreno

Grosseto

FolGav da sogno: è semifinale


	Il gol di Regoli
Il gol di Regoli

I biancorossoblù vincono ai rigori contro la Casatese nella super sfida di Coppa Italia. Nei tempi regolamentari Regoli sblocca la gara, ma i padroni di casa la riacciuffano

12 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CASATENOVO. Dopo una gara giocata senza esclusione di colpi, conclusasi ai calci di rigore, il Follonica Gavorrano festeggia l’accesso alle semifinali di Coppa Italia di Serie D dove affronterà la Varesina, che ha eliminato ai rigori la capolista del girone C Union Clodiense Chioggia.
Masi se la gioca con il solito 4-4-2, ormai marchio di fabbrica del suo FolGav. Senza capitan Dierna, al centro della difesa ci sono il solito Ampollini assieme a Brunetti. A centrocampo, di nuovo dal primo minuto l’ex Pistoiese Macrì e Fabrizio Lo Sicco mentre in avanti il tecnico biancorossoblù si affida alla premiata ditta Regoli-Pino. Il primo tempo è quasi un monologo ospite. Sin dai primi minuti della gara, il Follonica Gavorrano conquista il possesso del centrocampo.
Dopo neanche due minuti, la prima conclusione porta la firma di Macrì, che su invito di Vieri Regoli prende la mira, ma spara di poco alto sopra la traversa della porta difesa da Picarelli. Gli ospiti tengono meglio il campo e poco prima del quarto d’ora si rifanno vivi in avanti: stavolta è Pino a provarci, ma la conclusione dell’attaccante toscano, su assist di Pignat, finisce la sua corsa sull’esterno della rete. La Casatese, dopo qualche minuto iniziale di smarrimento, prende le misure e riesce a contenere meglio le iniziative della squadra di Masi. La Casatese non riesce quasi mai però ad affacciarsi nei pressi della porta difesa da Filippis e i rischi per il FolGav sono pochissimi.
Al 25’ la difesa biancorossa commette una leggerezza in fase di alleggerimento e Pino riesce a recuperar palla, servendo in profondità Macrì, il quale non imprime la giusta forza alla palla e non crea problemi al portiere lombardo. Al 32’ ci prova Regoli, che dal vertice sinistro dell’area cerca la conclusione di potenza, senza impensierire il portiere; mentre al 40’ è Lo Sicco ad alzare la mira da buona posizione.
La musica, almeno inizialmente, nella ripresa cambia: la prima occasione del secondo tempo è infatti per la Casatese, che al 4’ ci prova con Comberiati, che batte di prima intenzione, ma non trova la porta. Gli ospiti riprendono campo e a cavallo tra il 10’ e il 16’ sono pericolosi ancora con Lo Sicco (tiro al volo di poco a lato) e con Pino, lanciato a rete da Pignat, ma troppo precipitoso al momento della conclusione.
Al 23’ il FolGav passa in vantaggio: punizione dalla trequarti di Lo Sicco, che serve alla perfezione Regoli ben appostato in area; l’incornata dell’ex Poggibonsi è imparabile per Picarelli. La Casatese però ha il merito di reagire subito e al 32’ perviene al pareggio: cross dalla sinistra di Comberiati per Gomez che con un bel colpo di testa supera l’incolpevole Filippis. Lo stesso portiere del FolGav diventerà dopo poco l’eroe di giornata. Con l’1-1 che permane sino al 90’ la regola vuole che in Coppa Italia la qualificazione di decida subito con i tiri dal dischetto.
La sequenza rimane equilibrata fino all’ultimo rigore della cinquina: Filippis ipnotizza Comberiati e regala ai biancorossoblù la semifinale. Il sogno di conquistare il secondo trofeo in tre anni può continuare. 

Primo piano
La ricostruzione

Femminicidio a Barga, uccisa all'ultimo appuntamento: il coltello di Rambo, la separazione e quella volta che la casa bruciò

di Luca Tronchetti
Le nostre iniziative