Il Tirreno

Grosseto

baseball serie b 

Bsc 1952 che impresa, è promosso in serie A Grazie ai Boars che festeggiano la salvezza

Enrico Giovannelli
Bsc 1952 che impresa, è promosso in serie A Grazie ai Boars che festeggiano la salvezza

Il Big-Mat Villa Croci di Cappuccini una macchina da guerra: su 22 gare ne ha vinte 19 per manifesta superiorità 

30 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Enrico Giovannelli

GROSSETO. Per la prima volta nella sua storia il Bsc 1952 Big-Mat Villa Croci sale in serie A: ieri con la doppietta a Livorno, 12-0 e 13-2 (19 vittorie per manifesta superiorità su 22 gare, 21-1 il record in campionato) i biancorossi di Stefano Cappuccini hanno coronato un sogno, centrando dopo la vittoria nella scorsa stagione del titolo italiano negli juniores un traguardo forse impensabile. Anche perché il Bsc del presidente Massimo Ceciarini ha voluto investire sempre molto nel settore giovanile. A dare l’accesso alla massima categoria è stato un “favore” degli Agrichianti Brico Ok: i Boars dopo aver perso gara1 per 8-5, hanno rimontato dal 5-0 al settimo inning imponendosi poi 12-5 contro la Catalana, che per i cinghiali di Riccardo Ciolfi e Marcello Verni vuole dire salvezza matematica. Una giornata storica per le due squadre maremmane.

Sulla carta l’impegno era tutto sommato abbordabile per il Bsc contro il fanalino di coda del girone D, il Livorno. Senza Sireus di ritorno dal campionato Europeo U23, ci ha pensato Ion Doba ad annichilire le mazze labroniche, confezionando in coppia con Francesco Cappuccini e Omar Benelli una clamorosa “no hitter”. La sfida è finita praticamente nel primo attacco maremmano (alla fine 17 le valide totali), chiuso sul 9-0. In gara2 qualche emozione in più: ai 4 punti biancorossi il Livorno ha risposto con due run. Poi però sul monte Kamram Ali ha messo il pilota automatico, aiutato da Mattia Sireus e Diego Luciani. «Non so che dire – le parole del manager Cappuccini – questi ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario».

Stessa euforia anche nel doug out dei Boars. Nella prima partita fatale il finale, con l’ex Bbc Yovani D’Amico per l’Alghero che aveva tenuto a freno le mazze maremmane, permettendo ai suoi di rimontare e vincere per 8-5. In gara2 sembrava lo stesso copione, con il fratello Elizer D’Amico, anche lui ex Bbc, che per oltre metà partita faceva la voce grossa. Finita la benzina, i Boars si scatenavano sui rilievi per una vittoria, con salvezza, per 12-5.© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana