Il Tirreno

Grosseto

basket 

Il sogno di Silvia si avvera: giocherà negli Stati Uniti

Maurizio Caldarelli
Il sogno di Silvia si avvera: giocherà negli Stati Uniti

30 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





grosseto. Silvia Nativi, diciannovenne promessa del basket italiano, vola negli Stati Uniti. Dal prossimo autunno giocherà con la Louisiana Tech nel campionato Ncaa. Un grande balzo nella carriera della cestista grossetana, miglior giovane della recente Coppa Italia di serie A2 con San Giovanni Valdarno, con il quale tra due settimane disputerà i playoff per l’A1.

«È un sogno che s’avvera – dice Silvia – e non era affatto scontato. Il Covid ha reso difficile il reclutamento; alcuni college hanno preferito offrire il quinto anno alle atlete in rosa che prenderne di nuove. Per questo è ancora più bello». «La Louisiana Tech – prosegue – è la migliore scelta che potessi fare. Mi ha convinto la disponibilità degli allenatori, molto interessati a me. Entro in una squadra competitiva, che mi può aiutare a crescere».

«Silvia – sottolinea la mamma Antonella Collini, che ha giocato in A1 fino a 31 anni – è l’unica italiana che quest’anno riceverà una borsa di studio. Un premio alla sua passione, al suo impegno. Da anni ha in mente questa esperienza e siamo contenti che sia riuscita nel suo intento. La nuova università l’aiuterà ad inseguire un altro sogno: dopo il liceo scientifico vuole prendere la laurea in matematica».

Il sogno americano di Silvia Nativi è nato nella sua Maremma. «Ho iniziato a fare sport da piccolissima – racconta – iniziando con danza a Marina di Grosseto, dove vivevamo, ginnastica artistica a Gorarella e il nuoto. Mi piacevano ma dopo un po’ avevo voglia di cambiare e preferivo seguire gli allenamenti di mio fratello Andrea, uno dei bimbi di Luciano Monaci. Un giorno Marco Romboli, che allenava insieme a mia mamma al Basket Aurora, mi propose di provare e dal quel giorno ho trovato la mia strada, senza più voltarmi indietro. Anzi guardando i video e le foto di mia mamma mi sono sempre più innamorata di questo gioco».

Silvia ha giocato a Grosseto fino alla quarta elementare, poi ha proseguito a Ferrara (arrivando in A1 nel 2017), dopo il trasferimento di babbo Sergio, tenente colonnello dell’Aeronautica militare.

Campionessa d’Europa con l’Italia Under 16 nel 2018 e Under 18 nel 2019, la Nativi, alta 180 centimetri, è una playmaker sopraffina. «Siamo entusiasti di dare il benvenuto a Silvia nella famiglia Lady Techster – ha dichiarato l’allenatrice Brooke Stoehr – Ha la capacità di creare per gli altri e portare la palla al posto giusto con la sua creatività e abilità di passaggio. La sua esperienza con la nazionale e il suo QI nel basket saranno di grande beneficio per il gruppo. Siamo entusiasti di averla a Ruston».

«Dopo l’esame di maturità, due impegni importanti – conclude – l’Europeo Under 20 e il Mondiale U19. Spero di presentarmi, a fine agosto, con un biglietto da visita ancora più importante». —

Maurizio Caldarelli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La ricostruzione

Morto in moto a Grosseto, chi era il dentista Lapo Bernardi e la testimonianza: «Ho visto la manovra fatale»

di Maurizio Caldarelli