Il Tirreno

Grosseto

baseball serie b 

Monte da paura e tanta grinta I Boars sono pronti al debutto

Maurizio Caldarelli
Monte da paura e tanta grinta I Boars sono pronti al debutto

La squadra del presidente Ciolfi in campo domenica nell’amichevole con il Siena Diversi giovani e tante garanzie: così la squadra si prepara ad affrontare le gare

29 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Maurizio Caldarelli

grosseto. Saranno una della matricole del campionato di serie B, ma i Boars vogliono vendere cara la pelle. Per questo, dopo aver terminato l’attività il 24 ottobre scorso con la bruciante sconfitta contro il Cali Roma, i ragazzi del presidente-manager Riccardo Ciolfi lavorano dal 1° gennaio, per onorare la nuova categoria.

«Ci presenteremo all’Opening Day – dice Ciolfi – in punta di piedi. Siamo una matricola e abbiamo come obiettivo la salvezza, poi vediamo cosa succede strada facendo». Facendo leva su un gruppo coeso, il direttore sportivo Emiliano Aprili ha messo alcune pedine nello scacchiere grossetano, considerando il passaggio da una a due gare settimanali. «Credo che il nostro monte di lancio – prosegue Ciolfi – possa far paura a tutti. Abbiamo allungato il bullpen con Medaglini e Capizzi, tornati a giocare dopo una pausa. Osti, ingaggiato dal Siena, e Sacchi sono al debutto in serie B, però possiamo far paura a tanti. Le gare non si vincono solo in difesa o sul monte. Lo scorso anno, in serie C, il punto di forza era l’attacco e credo che possa continuare ad esserlo anche se cambia la categoria».

L’Agrichianti Brico Ok ha inserito nel roster alcuni giovani interessanti: il ricevitore ex JR Dario Mancini, il terza base Mirko Ferri; dallo Junior sono poi arrivati il prima base Francesco Brandi e l’esterno Giulio Giannelli.

«Il giapponese Masanori Kamachi – sottolinea il tecnico dei Boars – sarà spostato in prima base, in modo da sfruttare le sue doti di contattista in battuta. Ci siamo rinforzati e ringiovaniti, con alcuni under 23 nella rosa come richiesto dalla Fibs». Quali sono le sue favorite? «Visti i risultati del 2020, il ruolo di favorito spetta al Bsc, però si sono mosse tutte bene, a partire da Messina e Catalana, ma anche il Livorno ha lavorato bene sul mercato. Le romane hanno preso i migliori giocatori dei Lupi Roma, che si sono sciolti. Le squadre si sono rinforzate perché allettate da una serie A che ha costi di trasferta minori della B. Negli ultimi anni noi siamo sempre andati in Sicilia o in Sardegna. A fine maggio le avremo entrambe».

Sotto la guida anche di Thomas Salvestroni, che svolge il doppio ruolo di preparatore atletico e segretario della società, i ragazzi si stanno allenando allo stadio “Scarpelli”, mentre giocheranno le gare interne allo Jannella, a partire dal derby del 29 maggio contro il Bsc. «Prima dell’esordio in campionato – aggiunge Ciolfi – abbiamo in scaletta alcune amichevoli: il 2 maggio con il Siena, il 9 maggio a Lastra a Signa contro i Lancers e il 16 maggio a Sesto Fiorentino contro il Padule. Il problema rimane la richiesta dei tamponi molecolari entro le 72 ore antecedenti alla partita. Si spera in un cambio di protocollo per risparmiare 500-600 euro, un costo importante che va ad aggiungersi alle spese che dobbiamo sostenere per l’affitto dei campi». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il caso

Livorno, l’evaso dal carcere ripreso alla stazione di Roma Tiburtina