Il Tirreno

Grosseto

I numeri

Quanto vale una casa a Follonica? Tutte le quotazioni per quartiere

di Michele Nannini
Una veduta dall’alto del litorale follonichese (foto Massimo Sestini)
Una veduta dall’alto del litorale follonichese (foto Massimo Sestini)

In crescita anche gli appartamenti nelle zone rurali: i valori di ogni zona

27 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





FOLLONICA. L’Agenzia delle entrate ha aggiornato le quotazioni immobiliari per la città di Follonica con l’ultimo dato relativo al secondo semestre del 2023. Si tratta della banca dati che, per tutti i Comuni d’Italia, indica il valore degli immobili suddivisi per zone geografiche (e quindi per Follonica i vari macroquartieri) e per tipologia di abitazione, ma ci sono disponibili anche i dati di box e posti auto coperti e scoperti. L’analisi di tutti i dati a disposizione, anche se l’Agenzia delle Entrate rispetto allo scorso anno ha parzialmente modificato alcune delle categorie e ne ha aggiunte altre soprattutto per i box e le autorimesse, restituisce un mercato immobiliare che sostanzialmente ha mantenuto a livello generale i valori del 2022 che però per le abitazioni di maggiore pregio o situate in quartieri considerati più prestigiosi a livello immobiliare ha visto invece un aumento delle quotazioni dei valori di mercato.
 

Flessioni 
Qualche flessione però c’è stata sia nel valore di alcune abitazioni sia in quello delle locazioni, dato quest’ultimo che ha fatto registrare scostamenti decisamente più ridotti, anche se una tendenza precisa e circoscritta ai singoli quartieri è difficile da estrapolare in quanto le stesse macrozone in cui è stata divisa la città hanno fatto registrare, a seconda della tipologia di immobile, sia dati in aumento che in diminuzione.

Conferme
Unici trend confermati, e in crescita, quelli della zona Pratoranieri sud, che vede un ulteriore aumento di valore degli immobili, e delle aree rurali anch’essi in aumento. Nell’area di Follonica centro le abitazioni civili hanno fatto registrare un aumento del valore per la categoria normale da una forbice minima-massima di 1950-2600 euro al metro quadro del 2022 a quella 2050-2550 del 2023 con aumento del valore minimo e diminuzione di quello massimo; la forbice si è allargata invece per le autorimesse (da 1150-1600 a 1200-1800) mentre in leggero aumento i dati relativi a ville e villini sia in stato normale (da 3000-4200 a 3000-4300) che ottimale (da 4300-5300 a 4500-5400). Per Cannavota i dati sono sostanzialmente immutati con leggeri scostamenti verso l’alto per le abitazioni civili (da 1100-1500 a 1100-1550), le autorimesse (da 550-790 a 260-800) e le ville e villini che passano dalla forbice 1500-2150 a quella 1550-2200). La situazione immobiliare a Pratoranieri nord e zona 167 vede invece due tendenze opposte con le abitazioni standard che diminuiscono di valore mentre aumentano box e villette: nel dettaglio le abitazioni civili passano dalla forbice 1550-2050 del 2022 a quella 1500-2100 del 2023 (diminuzione valore minimo ma aumento di quello massimo) e quelle economiche dai valori 1300-1750 del 2022 alla forbice 1250-1750 del 2023; segno più per i box (da 840-1200 a 860-1300) e le ville (da 2500-3300 a 2650-3300).

La parte del leone
Anche quest’anno, leggendo i dati, è riservata agli immobili di Pratoranieri sud che fanno tutti registrare aumenti di valore, tendenza ormai pluriennale visto che lo stesso andamento si era registrato nel 2022 in riferimento ai dati del 2021: nel dettaglio le abitazioni civili passano dalla forbice 2850-3900 a quella 2950-4100, le autorimesse dal valore 930-1400 dello scorso anno a quello 1000-1450 di quest’anno e le ville e villini da 3500-5200 del 2022 a 3600-5400 del 2023; in questa categoria l’aumento rispetto al 2021 è sensibile visto che tre anni fa la forbice era di 3400-5000, sfiorando quindi un incremento del 7 per cento in tre anni. Dati con andamenti opposti infine per le ultime due zone: in quella Cassarello, San Luigi, Salciaina e Massetana scendono i valori delle abitazioni normali da 2100-2500 a 2100-2400 e delle ville da 2400-3300 a 2200-3100 mentre per l’area rurale si passa nelle abitazioni da 1350-1950 a 1450-2100 e nelle ville da 1450-2150 a 1550-2250.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Le celebrazioni

25 Aprile, piazza della Signoria gremita: Stefano Massini legge il monologo di Scurati – Video