Il Tirreno

Grosseto

nel centro storico  

Sos Marraccini Dopo le feste natalizie comincia il restyling

Giovanna Mezzana

I condomini hanno affidato i lavori alla Sb di Saimon Biliotti Ponteggi montati, dal 10 gennaio parte la ristrutturazione 

30 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





grosseto. Il Capodanno porta una buona notizia per il centro storico della città. Inizieranno a stretto giro i lavori di ristrutturazione dell’edificio che un tempo ospitava il cinema Marraccini e su cui a fine ottobre si erano improvvisamente riaccesi i riflettori.

Due mesi fa, dopo una segnalazione di pericolo, i vigili del fuoco portarono a termine un sopralluogo ai quattro piani dell’immobile: vennero riscontrati distacchi di porzione di gronda e di elementi delle cornici marca-piano e marca-davanzali oltreché di altri elementi di decoro tali da rendere visibile in più punti la muratura in laterizio e i ferri dell’armatura; tali distacchi, che riguardavano sia la facciata su via Mazzini che la facciata retrostante che dà sul percorso pedonale delle Mura Medicee, non sarebbero però risultanti recenti.

Da qui emerse la necessità di far eseguire lavori di ripristino e di consolidamento su entrambe le facciate, ma – ancor prima – di tutelare la pubblica incolumità. Tant’è che i condomini – nel palazzo ci sono sei appartamenti – incaricarono subito l’impresa Sb di Saimon Biliotti della messa in sicurezza, che venne assicurata a tempo di record, tant’è che anche il tratto di via Mazzini che era stato chiuso a titolo precauzionale, venne nel giro di breve riaperto.

Oggi la novità: i proprietari degli appartamenti hanno affidato alla Sb dell’imprenditore edile Biliotti la ristrutturazione del palazzo. Le maestranze hanno già “preso possesso” dell’area montando i ponteggi funzionali all’intervento. Seguiranno dunque i sopralluoghi necessari. E dal 10 gennaio si cominceranno i lavori per far tornare il palazzo agli antichi splendori.

Capitolo diverso – va da sé – riguarda invece il cinema Marraccini, chiuso ormai da 18 anni e simbolo di degrado.

Giovanna Mezzana

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Il caso

Livorno, l’evaso dal carcere ripreso alla stazione di Roma Tiburtina