Il Tirreno

Grosseto

orbetello 

Predatori immortalati vicino all’ovile Allevatore rilancia l’sos: «Urgono aiuti»

Ivana Agostini
Predatori immortalati vicino all’ovile Allevatore rilancia l’sos: «Urgono aiuti»

31 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





ORBETELLO. Un “ufficio lupo” per cercare di risolvere il problema della predazione che mette in crisi gli allevatori. Lo sta organizzando la Regione Toscana in seguito ai tanti attacchi subiti soprattutto in Maremma. Tra gli obiettivi del progetto anche una task force che comprenda allevatori e altri soggetti interessati. Il tutto coinvolgendo il ministero dell’agricoltura che arrivi a disciplinare una normativa nazionale a cui fare riferimento.

Nelle ultime settimane a finire nel mirino dei predatori è stata l’azienda di Luigi Farina nella zona dell’Osa: circa 50 pecore erano state sbranate. Ora è sempre Farina a sollecitare le istituzioni a intervenire e non nascondere la testa sotto la sabbia.

L’allevatore parla della presenza allarmante dei predatori che sono stati avvistati, in pieno giorno, nella zona della Barca del Grazi.

Le sue fototrappole hanno ripreso un predatore (forse un lupo?) che continuava a vagare nei campi della sua azienda, in zona ovile (v. foto).

Poi è spuntato un video che circola sul web, girato da un abitante della zona. «Si parla di un “lupo” (anche se non vi è certezza) che ha in bocca un gatto – dice Farina – Il video è sul web; l’animale è in lontananza e chi l’ha visto da vicino ha riferito che sembrava proprio un lupo, ma chissà».

«Noi allevatori avevamo fatto presente che la gestione del lupo sarebbe stata un problema non avendo un antagonista – dice Farina – I lupi devono stare in zone dove non ci sono allevamenti e dove non c’è presenza dell’uomo come invece avviene nelle nostre zone, dove le campagne sono piene di poderi. La politica non deve essere sorda a questi problemi. C’è il rischio che gli allevatori scompaiano. È difficile fare il nostro mestiere con la presenza del predatore. Vogliamo sollecitare l’assessora regionale Stefania Saccardi a riprendere in mano il tavolo per la conferenza Stato – Regione per un eventuale contenimento. I politici non devono solo promettere in tempo di elezioni. La politica deve risolvere i problemi degli imprenditori. Un’impresa deve fare reddito e se non lo fa non ha ragione d’esistere. Se vogliamo che si continui a fare impresa bisogno fare reddito a meno che non si voglia tornare al baratto. L’imprenditore deve essere tutelato. Non devono dare gli indennizzi, devono pagare i danni», chiude l’allevatore Luigi Farina.

Ivana Agostini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Cibo e pericoli

Cereali ritirati dai supermercati italiani: si rischia di soffocare

Cinema in Toscana