Il Tirreno

Grosseto

Una Consulta per il sociale per dialogare con il Comune

Una Consulta per il sociale per dialogare con il Comune

Verso le elezioni: Grosseto al centro con i suoi candidati a sindaco e al ruolo di consigliere indica nei propri programmi l’istituzione di un organismo che favorisca anziani e soggetti deboli 

30 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





la proposta

«Ringraziamo l’Auser di Grosseto che, attraverso la presidente Vera Bartalucci e il coordinatore Franco Miglianti, nei giorni scorsi ha posto l’attenzione sulle difficoltà incontrate nelle importanti attività di aggregazione culturale e sociale in favore di anziani e soggetti più deboli che l’associazione di volontariato svolge da tempo per la comunità grossetana». Così Marcello Campomori, candidato sindaco di Grosseto al centro.

«La nostra associazione crede nell’ascolto e nella partecipazione dei cittadini e delle associazioni per realizzare una democrazia consapevole e un’amministrazione che compia insieme ad essi le scelte più oculate e giuste nell’interesse di tutti – spiega Anna Bardelli, candidata consigliera comunale per la lista civica Grosseto al centro – Per questo, nella proposta di governo che vogliamo condividere con i grossetani, figura anche l’istituzione di una Consulta per il sociale: una consulta comunale autonoma, trasparente e multipartecipativa, attraverso la quale cittadini e associazioni possano dialogare con continuità con l’amministrazione comunale, avanzando proposte e coadiuvandola nelle scelte che interessano il terzo settore».

«Oltre a questo – aggiunge Paolo Pisanelli, capolista e vicepresidente di Grosseto al centro – crediamo che i Centri di promozione sociale, anche attraverso la preziosa collaborazione dei volontari, possano diventare i luoghi in cui realizzare i progetti che proponiamo, come le Palestre del salvamento (per una formazione diffusa, continuativa e gratuita alle manovre salvavita), ma anche per servizi e momenti di incontro sugli stili di vita, sulla corretta alimentazione, sull’educazione stradale, per un ascolto psicologico e tanto altro. Inoltre, Grosseto al centro vuole istituire i Consigli di frazione e di quartiere, con cui riportare la partecipazione nei vari luoghi del territorio comunale».

«Anche per tutto questo, e grazie alla segnalazione di Auser – aggiunge Campomori – poniamo tra i punti del nostro programma la rigenerazione dell’immobile che ospita il centro “Roberto Ciabatti” e la sostituzione della sua tensostruttura, attraverso una programmazione condivisa con le associazioni interessate e con la Consulta per il sociale rivolta anche agli interventi di cui necessitano le altre strutture cittadine».

«Ecco perché, con il desiderio di ascoltare prima di tutto – conclude il candidato sindaco di Grosseto al centro – siamo lieti di chiedere un incontro alla presidente dell’Auser di Grosseto Vera Bartalucci e al coordinatore Franco Miglianti. Contatteremo per un incontro anche i referenti di tutti i Centri di promozione sociale della città e delle frazioni».



Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana