Il Tirreno

Grosseto

Giancarlo schiera Biserni, Francesco ha Mazzuoli I primi nomi nelle squadre

F.F.

Il candidato leghista porta in squadra un noto e apprezzato medico Il primo cittadino uscente si guadagna l’ex segretario del Pd locale 

29 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





le anticipazioni

Ci sono i candidati sindaco. E ci sono gli uomini e le donne che li affiancano nella loro corsa al municipio. Non meno importanti e non meno decisivi. Un po’ per la capacità di portare idee e voti. Un po’ per inquadrare meglio il progetto politico che viene proposto ai cittadini.

A Scansano la lista del candidato sindaco della Lega, Giancarlo Tenerini, può già contare su una figura di spessore: il medico ortopedico Michele Biserni, figlio dello scomparso ex sindaco Giovambattista Biserni. Sarebbe lui il capolista di un gruppo che, secondo le prime indiscrezioni, è descritto come «di alto profilo» e capace di coprire tutte le frazioni del territorio.

Lo stesso candidato sindaco, del resto, è un figlio della terra del Morellino.

Dipendente del ministero delle Finanze, vicino alla pensione – ci andrà il 5 ottobre – Giancarlo Tenerini, 60 anni il 4 ottobre – esattamente il giorno delle elezioni – è originario di Pancole, dove abita tuttora.

«Non ho figli, convivo, presto andrò in pensione e vivo sul territorio: se sarò eletto, avrò tutto il tempo di dedicarmi al territorio e sarò in Comune tutti i giorni», dice sorridendo e alludendo a una delle critiche più ricorrenti mosse all’attuale sindaco, e cioè che non sia – e sia stato – abbastanza presente sul territorio. Tenerini sul territorio c’è invece da sempre. Già vicesindaco nella giunta Morini, ne uscì «perché avevo una visione diversa su alcuni aspetti», ricorda.

Da qualche tempo è tesserato con la Lega, «e sono rimasto entusiasta – dice al Tirreno – dell’entusiasmo che i quadri del partito hanno messo nel sostenere la mia candidatura. Quando mi è stato proposto, mi sono preso un paio di giorni per sentire i miei concittadini e capire che ne pensavano. E in tutti ho trovato un grande entusiasmo per questa nuova avventura e volontà di cambiare marcia. Abbiamo messo su una bella squadra con persone da tutte le frazioni».

Dall’altro schieramento, nella squadra di Francesco Marchi c’è almeno un nome che si fa notare, quello di Gianluca Mazzuoli.

Si fa notare perché Mazzuoli è molto vicino a una figura di primo piano del Pd, quella del consigliere regionale Leonardo Marras, a cui lo lega personale amicizia e, fino a un paio di settimane fa, l’appartenenza allo stesso partito, il Pd, della cui sezione scansanese Mazzuoli stesso è stato segretario fino al luglio 2020.

«Sì, sono nella lista di Marchi», conferma Mazzuoli al Tirreno. Capolista? «Be’, ora non saprei. Capolista o no, con la legge elettorale attuale le cose cambiano poco», spiega. Quanto al Pd, «l’ho lasciato», dice Mazzuoli, senza fornire ulteriori dettagli sulla propria uscita che, ad ogni modo, risale a questo mese.

Il cambio di casacca d’altronde era nell’aria e a Scansano non è passato inosservato, anche grazie a diversi post su Facebook a sostegno di Marchi che Mazzuoli ha fatto in questi giorni. Tra le altre cose, è stato tra i primi a pubblicare il post con il comunicato stampa della candidatura di Marchi. «A Grosseto, però, voto sempre Pd», tiene a precisare». Quanto alla lista di Marchi, sempre Mazzuoli spiega che è quasi completata: «Domani avremo l’ultimo incontro per l’ultimo candidato. Sono due donne, sceglieremo quale delle due». F.F.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Politica e soldi

Le elezioni europee sono un grande affare: ogni eletto intasca 1,2 milioni

di Mario Neri
Ciao Franchino