Il Tirreno

Grosseto

la situazione 

AstraZeneca, riaperte le prenotazioni Giallo su 70 dosi di J&J non somministrate

28 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





grosseto. Per una consegna straordinaria di 50mila nuove dosi di AstraZeneca, dalle 18 di ieri è stato riaperto il portale regionale di prenotazione per le persone nate dal 1941 al 1951 che non hanno ancora compiuto 80 anni. Il portale rimarrà aperto fino a esaurimento di dosi che, una volta prenotate, saranno somministrate da domani a domenica.

Contestualmente, rimane confermata l’apertura del portale venerdì 30 aprile per la programmazione mensile delle vaccinazioni, riservate sempre agli over 70, a partire da lunedì 3 maggio e fino a completamento dell’elenco di coloro che desiderano vaccinarsi, e in relazione alla disponibilità anche di altri tipi di vaccino.Usl

Intanto l’Asl Toscana sud est, in coincidenza con l’arrivo di adeguate forniture, intensificherà da domani il ritmo di vaccinazione degli estremamente vulnerabili (per i quali si usano Pfizer-Biontech o Moderna). Da ieri mattina è in corso l’invio di sms a circa 15mila superfragili che avevano preaderito al portale regionale prima del 19 marzo o che sono state segnalate dai Centri specialisti dove si curano. Chi non aveva fornito il cellulare verrà chiamato al telefono.

«L’impulso prioritario è completare la vaccinazione degli estremamente vulnerabili, in parallelo all’esaurimento di tutte le richieste dei cittadini nella fascia d’età tra 70 e 79 anni – spiega Antonio D’Urso, direttore generale dell’Asl Toscana sud est –, come indicato dalla struttura commissariale e dalla Regione». Per i superfragili c’è il numero verde 800 432525.

Intanto ieri l’Asl ha aggiornato il bollettino delle vaccinazioni, che salgono a 66.739 (48.599 prime dosi, il resto richiami). Rispetto a venerdì sono 3.537 nuove vaccinazioni.

Tra queste sono comprese anche le nuove vaccinazioni Johnson&Johnson, che non richiedono il richiamo. E c’è un piccolo giallo.

Il J&J ha fatto il suo debutto domenica a Grosseto. L’Asl ha annunciato che alla provincia di Grosseto erano destinate 750 dosi; altrettante a Siena e 1.000 ad Arezzo. Dal report risulta però che solo 680 dosi sono state somministrate a Grosseto. Siena le ha iniettate tutte, mentre Arezzo 975. Che fine hanno fatto le 70 dosi arrivate in provincia e non somministrate? Il Tirreno ha chiesto lumi all’Asl che però a ieri non ha fornito risposta, rimandando a oggi la spiegazione. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
L’analisi

Astensionismo in Toscana, da Berlinguer a Vannacci perché alle Europee si vota sempre meno

di Libero Red Dolce e Federica Scintu