Il Tirreno

Grosseto

«Così la Madonna ci è apparsa nel sole di Medjugorje»

di Fiora Bonelli
«Così la Madonna ci è apparsa nel sole di Medjugorje»

Ex direttore di banca amiatino racconta la sua visione e mostra le foto scattate il 27 aprile da un gruppo di fedeli

15 maggio 2012
3 MINUTI DI LETTURA





CASTEL DEL PIANO. «Forse l’unica cosa a cambiare, sono stato io».

Va in pellegrinaggio a Medjugorje e racconta di aver visto il sole roteare e la Madonna col manto azzurro.

Un’esperienza straordinaria, quella accaduta a Luciano Gigioni, che abita a Castel del Piano e che dopo essere andato in pensione di recente ( fino a un anno fa era direttore di banca) ha avvertito, lo spiega lui stesso, “l'esigenza” di intraprendere un pellegrinaggio a Medjugorje.

«Non chiedetemi il perché. È una di quelle cose che improvvisamente senti dentro e che, fino a quando non l'hai soddisfatta, avverti che c’è qualcosa di incompleto».

Ma poi quella voglia di andare in quel luogo così mistico e misterioso, si è concretizzata: «L'occasione è arrivata quando mi sono trovato in mano un foglio con cui Padre Riccardo, un frate cappuccino che mi è amico, annunciava una visita in quei luoghi. Io – prosegue Giglioni – avevo già una prenotazione diversa,  ma annullarla e partire con lui è stato un lampo. Un viaggio di 18 ore con mille problematiche che si sono succedute sul percorso, non sono riuscite ad annebbiare la voglia che sentivo dentro. Sembrava che sapessi già in anticipo che qualcosa di “particolare” sarebbe successo. Ho scritto recentemente una frase: sono talmente cristiano nella mia vita privata che il laicismo della mia vita pubblica, ricordandosene, talvolta arrossisce. È doveroso far presente questa mia scelta di vita che comunque, credetemi, non ha condizionato né alterato quello che ho potuto vedere».

Ma cos’è che ha visto e che fatto straordinario lo ha così cambiato?

«Evito di raccontare l'esperienza completa che ho vissuto in quanto rapporto privato e personale che ti lascia emozioni che rimangono tue per sempre. Riferisco soltanto una testimonianza, e questa sì che lo devo fare, relativa ai fatti a cui ho assistito  quel 27 di aprile verso le 17,30», racconta l’ex direttore di banca.

«Quando siamo scesi dalla collina delle Apparizioni il sole è diventato talmente lucente che il suo chiarore prendeva buona parte del cielo. Poi ad un tratto si è messo a pulsare ed a ruotare su se stesso per poi dividersi in due. E si poteva intravedere l’immagine della Madonna vestita di un manto azzurro e una croce di color viola. Qualcuno ha cominciato a gridare, qualcuno a pregare, qualcuno continuava a passeggiare come se niente fosse. Io mi sono accorto che piangevo. E ho tolto gli occhiali da vista che avevo e son rimasto a guardare quel sole che cambiava continuamente colore per almeno una buona mezz'ora. Pensate alla mia meraviglia quando ho tentato di “razionalizzare” l'evento. Che cosa avevo visto?  Che cosa avevamo visto? Come ho fatto a guardare il sole senza occhiali per tutto quel tempo e non riportare danni alla mia vista? Così come era iniziato, tutto poi è ritornato normale, il sole “normale”: il cielo “normale”, la gente apparentemente “normale”. Forse l'unica cosa che è cambiata sono io».

Giglioni non vuole convincere nessuno, ma invita tutti a verificare di persona: «Coloro che non credono, possono documentarsi sul mio profilo facebook, dove troveranno un’ampia documentazione fotografica relativa a questa testimonianza. Tutte foto che sono riuscito a rimediare da gente che era con me».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Sogni e racchette
Tennis

Wimbledon, si infrange il sogno di Jasmine Paolini: «Sono triste, ma devo sorridere. È stata una bella giornata»

I tifosi

Jasmine Paolini, la delusione al circolo Mirafiume per la sconfitta nella finale di Wimbledon

Sport