Il Tirreno

Firenze

La tragedia

Morto a 23 anni nello schianto in moto: la dinamica e le lacrime di Compiobbi


	Lo scontro e la vittima
Lo scontro e la vittima

Il giovane stava percorrendo viale Belfiore: il calcio tra le sue più grandi passioni

15 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Inutili sono stati i soccorsi per Ettore Maoggi, 23 anni. Il giovane non ce l’ha fatta: è morto in uno scontro con un’automobile nel pomeriggio di ieri nel viale Belfiore, a poco distanza da Porta a Prato.

L’incidente è avvenuto prima delle 17 e il giovane, che era residente a Compiobbi (nel comune di Fiesole), è deceduto poco dopo l’incidente sul viale.

Secondo una prima ricostruzione del fatto, per ragioni ancora da accertare, la motocicletta del ragazzo é venuta in contatto con un mezzo, una Toyota, che era condotto da un automobilista di 55 anni.

Lo scontro è stato violento, la moto è finita sulla fiancata dell’auto (dalla parte del conducente). Il ragazzo è stato sbalzato a terra e ha battuto la testa.

Ettore Maoggi è stato soccorso da un medico e dall’ambulanza. Ma le ferire riportate nell’impatto erano troppo gravi.

Per cui, poco dopo l’intervento del 118, è stato dichiarato il suo decesso. La magistratura ora dovrà decidere se effettuare o meno l’autopsia sulla salma del giovane.

La dinamica è al vaglio della polizia municipale di Firenze che dovrà chiarire le cause dell’incidente. Oltre alla raccolta di testimonianze, saranno visionate anche le telecamere della zona per capire la provenienza dei due mezzi coinvolti. In modo da comprendere eventuali responsabilità. Per consentire le operazioni di soccorso e i rilievi dei vigili urbani è stato istituito un restringimento di carreggiata nel tratto che si trova immediatamente dopo via Guido Monaco. Nella zona si è verificata una coda anche in virtù del fatto che l’orario era quello del rientro dai luoghi di lavoro. 

Il giovane aveva due grandi passioni: le moto e il calcio. Per tanti anni infatti ha giocato nel settore giovanile della Ludus 90.
 

Le ultime
Il lutto

È morta l’”immensamente Giulia” delle Vibrazioni, il ricordo commovente di Sarcina: «Ora più che mai sei lucente armonia»

Ciao Franchino