Il Tirreno

Firenze

Il rogo

Scandicci, il maxi incendio di Pasqua: l’azienda (famosa) colpita e i danni

di Elena Andreini
Scandicci, il maxi incendio di Pasqua: l’azienda (famosa) colpita e i danni

La “Metalstudio” di Scandicci devastata la sera di Pasqua da un pauroso incendio Il sindaco Fallani: «Ci attiveremo per sostenere la ripresa delle attività produttive»

02 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





SCANDICCI. Sono tornati nella norma i valori dell’aria di via delle Fonti dopo l’incendio avvenuto il giorno di Pasqua nell’azienda “Metalstudio” all’interno dell’area industriale di Scandicci.

A causa delle fiamme e dei fumi sprigionati dall’incendio, domenica scorsa il sindaco Sandro Fallani ha emesso un’ordinanza con la quale invitava – per le successive 24 ore e quindi per tutta la giornata di ieri –, i cittadini che abitano o stazionano nella vicinanze dell’area vicina a quella in cui è divampato l’incendio a chiudere le finestre e non esporsi ai fumi. «Già dalle prossime ore – sottolinea il sindaco Fallani – ci attiveremo come Comune per capire quali misure poter mettere in campo per gli eventuali strumenti di sostegno alla ripresa e alla tutela del lavoro e del sito produttivo».

Ieri mattina, Comune e Arpat hanno fatto un aggiornamento della situazione, dopo i rilievi della protezione civile che hanno indicato il ritorno nella norma dei valori dell’aria.

L’incendio è stato domato dopo molte ore di lavoro dai vigili del fuoco e l’intera area nei pressi della struttura “Metalstudio”, che ha riportato ingenti danni, è stata messa in sicurezza. «L’aggiornamento fatto con la protezione civile e con il personale di Arpat ci indica che la qualità dell’aria attorno allo stabilimento è nella norma – specifica Fallani –. Ho inoltre nuovamente sentito la proprietà del sito industriale: l’area è stata messa in sicurezza. Già dalle prossime ore come Comune ci attiveremo per capire quali misure attivare per sostenere la ripresa delle attività produttive».

L’incendio è divampato nella serata di Pasqua quando, fortunatamente, all’interno del sito produttivo non c’era nessuno. Sul posto sono intervenute varie squadre dei vigili del fuoco, oltre alle forze di polizia e agli uomini della protezione civile per le operazioni di spegnimento del sito che sono andate avanti per tutta la notte e la successiva messa in sicurezza dell’area. Subito dopo sono partite anche le attività di bonifica.

La Metalstudio è una grande azienda che realizza accessori metallici per il settore manifatturiero dei marchi di alta gamma del settore moda che si trova nell’area industriale di via delle Fonti impiegando alcune centinaia di lavoratori. Le abitazioni, in quella zona, non sono molte, ma il sindaco Fallani ha deciso di firmare comunque un’ordinanza in cui invitava i residenti a mantenere chiuse le finestre e a non esporsi ai fumi e, in un raggio di 500 metri, ad esporsi il meno possibile alle esalazioni tossiche dell’incendio, limitando l’uscita dalle abitazioni. Ancora in corso la stima dei danni che saranno probabilmente ingenti. In corso di accertamento le cause del rogo. 
 

Primo piano
Governo

Bonus da 80 euro nella tredicesima: ecco a chi spetta. Cosa è previsto nella bozza del decreto