Il Tirreno

Firenze

L’aggressione

Settantenne picchiato in strada a Firenze vicino a piazza Santa Croce

Settantenne picchiato in strada a Firenze vicino a piazza Santa Croce

La vittima è stata trasportata in ospedale, sono intervenuti i Carabinieri: si attende che venga formalizzata la denuncia

28 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Assalito in strada, colpito con calci al petto, anche dopo il suo essere caduto a terra. È successo nel pomeriggio di ieri, in pieno centro storico, quando un uomo, classe ’54, è stato colpito a due passi da casa sua, in piazza Santa Croce, all’apparenza senza un motivo, ma con una ferocia incredibile. Finito a terra, è stato preso a calci un po’ ovunque, anche in testa.
L’aggressione è avvenuta ieri in via de’ Bentaccordi ed è ora al centro degli accertamenti da parte dei carabinieri, che puntano a ricostruire l’accaduto grazie alle telecamere puntate sulla via incrociandole con le testimonianze dei passanti che, seppur accorsi con qualche minuto di ritardo, potrebbero aver identificato un particolare decisivo per l’identificazione. La vittima è stata trasportata in ospedale dal 118 e al pronto soccorso sono arrivati anche i Carabinieri: adesso si attende che venga formalizzata regolare denuncia.


Il settantenne stava camminando verso Santa Croce, quando ha incrociato un uomo: pare che motivo del discutere fosse legato ad un cane e al non uso del guinzaglio.
Quel che è certo è quanto accaduto subito dopo, con l’attacco perpetrato ai danni della vittima. In un attimo, è tornato alla mente quanto accaduto in via degli Orti Oricellari quando, più o meno a metà ottobre, Gianpaolo Matteuzzi, 91 anni, fu assalito in pieno giorno mentre passeggiava: dopo essere stato colpito al volto, gli fu strappato dal polso l’orologio ricevuto in dono dalla Fiat a fine carriera che poi le forze dell’ordine sono riuscite a riconsegnargli nel giro di poche ore.

Primo piano
La testimonianza

Firenze, parla Maria: «Così la polizia mi ha fratturato il naso durante il corteo, colpita al volto senza motivo»

di Danilo Renzullo
Le nostre iniziative