Il Tirreno

Empoli

Impasse Niang, trattativa in salita Baldanzi: la Roma può attendere

M’Baye Niang con la maglia del Milan durante una partita contro  l’Empoli: si complica il suo arrivo alla corte di Nicola
M’Baye Niang con la maglia del Milan durante una partita contro l’Empoli: si complica il suo arrivo alla corte di Nicola

Empoli Si raffredda l’ipotesi dell’arrivo in azzurro dell’attaccante ex Milan e Toro. Il trasferimento del fantasista nel club giallorosso potrebbe slittare a fine stagione

30 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





EMPOLI. Tre giorni. È quanto manca alla chiusura del calciomercato invernale della Serie A. Poco meno di settanta ore per portare a termine tutte le operazioni e rituffarsi completamente sul rettangolo verde, per poi poter tornare a parlare solo e soltanto di gioco e risultati e non degli inevitabili “rumors” di mercato.

Il giocatore più chiacchierato del momento è e rimane naturalmente Tommaso Baldanzi, le cui quotazioni sono inevitabilmente tornate a salire precipitosamente dopo il gol segnato alla Juventus sabato scorso che è valso l’1-1 finale. Ma con la finestra di mercato agli sgoccioli, le possibilità di vederlo vestire la maglia giallorossa della Roma nell’immediato sono ridotte davvero al lumicino.

Più probabile a questo punto che il trasferimento al club capitolino slitti a giugno, in modo da permettere al giocatore di mettersi ancora più in mostra in questo periodo cruciale per le sorti empolesi grazie ai suoi gol e ai suoi assist. Il talento del giocatore in questo momento serve come il pane alla squadra di Davide Nicola, tecnico chiamato alla corte del presidente Corsi per raggiungere una salvezza che al momento è ancora lontana. La Roma può attendere insomma, Baldanzi lo sa bene e potrà sfruttare questi mesi anche per mettersi in luce in chiave Nazionale.

Nel frattempo, in entrata, sembra raffreddarsi la pista che porta a M’Baye Niang. Rispetto alle impressioni di pochi giorni fa infatti sembrano diminuire le chance per un arrivo dell’attaccante ex Milan e Torino in azzurro. Non si sa ancora se il giocatore rimarrà nel club turco dove milita attualmente, l’Adana Demirspor, oppure se sceglierà un’altra destinazione in Serie A (si registra infatti un interesse del Verona, oltre a quello dell’Empoli).

Dal canto suo, la società del presidente Corsi ha allo studio alternative, ma non ci sono nomi al momento, anche se è molto probabile che un colpo in extremis arriverà a rinforzare ulteriormente il reparto offensivo di mister Nicola.

Sul fronte allenamenti gli azzurri sono tornati ad allenarsi ieri pomeriggio al Sussidiario. Facce distese e tanti sorrisi durante la prima seduta settimanale dopo il punto di platino rimediato all’Allianz Stadium sabato scorso. Un vero toccasana per il morale, da tenersi ben stretto in vista della settimana di preparazione che si affaccia sull’importante sfida contro il Genoa.

La squadra di Davide Nicola ospiterà sabato prossimo alle 15 il Genoa per la ventitreesima giornata di campionato e dovrà sfruttare al meglio quest’ondata di positività per regalare al proprio pubblico il secondo successo casalingo consecutivo, dopo quello con il Monza di due turni fa. Gli azzurri scenderanno in campo di nuovo stamani alle 11 al Carlo Castellani Computer Gross Arena.

La tabella di allenamenti proseguirà nello stesso modo per i prossimi tre giorni, mercoledì, giovedì e venerdì, con ritrovo sempre alle 11, prima della sfida decisiva di sabato. In questi giorni verranno valutate le condizioni di Destro e Caputo, mentre prosegue il programma di recupero dai rispettivi infortuni muscolari di Bastoni ed Ebuehi.

Dopo il giallo rimediato nella sfida contro la Juventus, Walukiewicz entra nella lista dei diffidati, andando a far compagnia ai compagni Fazzini, Grassi e Gyasi. Il tecnico piemontese dovrà per forza tenere conto anche di questo aspetto per schierare la miglior formazione contro il Grifone, società cui deve gran parte della sua fortuna calcistica. Ma in campo ci sarà come sempre ben poco spazio per gli amarcord, quello che conta saranno i tre punti finali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato portato via dall'ospedale Santa Chiara: il padre rintracciato a Calci ma il bimbo non si trova

di Andreas Quirici e Martina Trivigno
Le nostre iniziative