empoli
cronaca

Tradì la moglie con la cognata: perde le donazioni della consorte

Sentenza della Cassazione: l’uomo è stato condannato per ingiuria grave. La relazione si era sviluppata nell’azienda di proprietà della ex compagna


21 giugno 2022


EMPOLI. Tradire la moglie non sempre ha conseguenze negative sul patrimonio del marito infedele, ma se il fedifrago commette adulterio con una parente stretta della consorte e per di più nel contesto di un’azienda familiare dove tutto viene a galla subito, allora la relazione extraconiugale assume i contorni di una vera e propria «ingiuria grave» che porta alla revoca «per ingratitudine» di tutte le donazioni di denaro e immobili che la moglie ha fatto al marito non rispettoso del vincolo coniugale.

Lo sottolinea la Cassazione che ha respinto il ricorso di un uomo di Empoli che aveva intrecciato una liason con la cognata – sposata con il fratello di sua moglie – e la relazione, per di più, «si era sviluppata all’interno dell’azienda della famiglia» della moglie. Il’farfallone’contestava la revoca delle donazioni fattegli dalla moglie «con spirito di liberalità», sostenendo che tutto doveva essergli restituito in quanto il suo matrimonio era già in crisi quando lui aveva iniziato la relazione con la cognata che, comunque, «era stata intessuta con modalità tali da essere mantenuta segreta».

La tesi non ha fatto breccia tra gli’ermellini’che hanno confermato la revoca come stabilito in primo grado e poi anche dalla Corte di Appello di Firenze nel 2019. Ad avviso dei magistrati del capoluogo toscano «la gravità» della faccenda stava nel fatto «che la relazione extraconiugale era stata intrattenuta con la moglie del fratello della donante (in un contesto che andava a minare, oltre alla stabilità del rapporto coniugale, anche quella familiare) , essendo evidente come le conseguenze della scoperta del tradimento abbiano avuto ripercussioni estese a tutto il tessuto familiare della moglie, non limitandosi al mero ambito matrimoniale».

Insomma, il marito infedele l’aveva combinata grossa anche perché – sottolinea il verdetto – «l’adulterio si era sviluppato all’interno dell’azienda di famiglia, cosicché la scoperta del tradimento è inevitabilmente divenuta nota anche tra colleghi e dipendenti, riverberando l’infedeltà dell’uomo nell’ambito lavorativo, con evidente e innegabile pregiudizio per la dignità della moglie».

Ad avviso della Cassazione, sentenza 19816 depositata ieri, «correttamente» i giudici di toscani hanno riconosciuto la «gravità» dell’offesa «all’onore patita» dalla moglie tradita con tali modalità e contesto e in modo che ineccepibile hanno evidenziato nel marito infedele «un atteggiamento di noncuranza e di assenza di rispetto nei confronti della dignità della moglie». In seguito la coppia si è separata, e al marito che aveva iniziato a lavorare nell’azienda della moglie da “nullatenente” non è rimasto nulla – né soldi né proprietà – di quanto donatogli dalla donna che lo ha perseguito per «ingratitudine» ottenendo piena vittoria nella causa civile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.