Il Tirreno

Empoli

vinci 

Costruire la comunità Termina il sondaggio voluto dalla parrocchia

Costruire la comunità Termina il sondaggio voluto dalla parrocchia

Ultimo giorno per inviare suggerimenti per il progetto L’obiettivo è di coinvolgere i cittadini nella vita del paese 

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





vinci. Sono gli ultimi giorni per partecipare al sondaggio lanciato dalla parrocchia di Santa Croce di Vinci dal titolo “Come vorresti la Parrocchia?”. Un’iniziativa che è partita lo scorso primo novembre e che si conclude oggi, 31 dicembre.

L’obiettivo del progetto “La Parrocchia in ascolto” è quello di trovare un nuovo modo di coinvolgere e di far partecipare tutti i cittadini, credenti e non, praticanti e non, alla vita della comunità del paese.

Si tratta insomma di una occasione per dare suggerimenti e consigli su come affrontare le nuove sfide del tempo moderno, dal mondo dei giovani alla liturgia, dalla gestione della parrocchia ai consigli pastorali e molto altro. La parola d’ordine alla base di questa iniziativa è: pensare in grande. Un’iniziativa che segue anche le parole di Papa Francesco, pronunciate nel Sinodo, che ha come scopo quello di promuovere una Chiesa diversa.

Le modalità per partecipazione alla “Parrocchia in ascolto” sono molteplici: prima di tutto tramite l’indirizzo mail renatobellini1943@gmail.com, il sito internet parrocchiavinci.it e il numero di telefono 339-6868440, e poi anche con la forma anonima delle lettere cartacee da inviare all’indirizzo di via La Pira, civico 9.

Da domani sera poi il consiglio pastorale esaminarà tutte le idee e i suggerimenti arrivati dai cittadini, e rilancerà le proposte a tutta la popolazione per aumentare la partecipazione della comunità intera.

Questa non è la prima iniziativa che si è svolta nel territorio di Vinci per uscire dal torpore dell’indifferenza. Ultimamente, infatti, sono stati organizzati momenti di solidarietà. Una cena e la vendita di stelle di Natale organizzata dall’associazione Giovani Coppie che sostengono una scuola in Kenya; e il progetto de “Le Lanterne verdi” con la diffusione di circa 100 lanterne verdi da mettere nel Presepe. Un collegamento con quelle famiglie polacche che accendono una lanterna per quei pochi rifugiati che riescono a passare il confine tra Bielorussia e Polonia.

Oltre a questo, dopo quasi due anni di pandemia quest’anno sono riprese le conferenze di “Vincincontri”, su temi come la scuola, la chiesa, la politica e il sindacato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il brutto gesto

Vandalizzate quattro sculture di Giò Pomodoro in mostra a Pietrasanta