Il Tirreno

Alle medie di Castellina, Riparbella e Montescudaio

Oltre cento ragazzi a lezione di vela e di canottaggio con il Foce Cecina

Un momento dell’attività svolta dal circolo nautico Foce Cecina con gli studenti delle scuole cecinesi
Un momento dell’attività svolta dal circolo nautico Foce Cecina con gli studenti delle scuole cecinesi

Gli esperti del circolo in prima linea nel progetto

30 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CECINA. Sono iniziati in questi giorni gli incontri a tema sportivo dedicati alla vela nelle scuole medie dei comuni di Castellina, Riparbella e Montescudaio.

L’attività, organizzata dal Circolo Nautico Foce Cecina in collaborazione con i docenti di educazione fisica dei vari istituti visitati e la dirigenza scolastica, coinvolge circa 100 ragazzi delle classi seconde e terze medie. Il programma, che prende spunto dai dettami federali del progetto “Remare a Scuola” della Federazione italiana canottaggio e “VelaScuola” della Federazione italiana vela, è stato organizzato in due tipologie di incontri per classe. Il primo svolto all’interno della scuola utilizzando la palestra per l’attività del canottaggio e un’aula per il settore della vela. Nell’ora di canottaggio i ragazzi hanno avuto la possibilità di utilizzare i simulatori di voga (i cosiddetti remoergometri) seguiti dai tecnici federali del circolo Foce Cecina imparando i fondamenti della tecnica di voga e come utilizzarli nella competizione fatta classe per classe su 100 metri. Ai ragazzi coinvolti è stata fatta fare più di una prova per permettere a tutti di dare il meglio e di far fronte agli errori “comuni” dell’esordio nel canottaggio.

L’ora dedicata alla vela è stata invece effettuata all’interno dell’aula di lezione utilizzando le lavagne Lim (le lavagne interattive multimediali) messe a disposizione dagli stessi istituti. Gli argomenti trattati hanno riscosso l’interesse dei ragazzi che sono stati coinvolti sui temi fondamentali della vela e della sicurezza in mare in modo da dare le basi per poter svolgere in maniera corretta il secondo incontro. Proprio in questi giorni si stanno quindi pianificando le date del ritrovo al circolo, secondo atto del progetto, in cui i ragazzi potranno salire in barca e verificare praticamente le attività viste in simulazione e in teoria durante gli accessi nelle scuole. L’intero progetto, organizzato dall’istruttrice Ilaria Tamburini, permetterà agli studenti delle scuole dei comuni limitrofi a Cecina di conoscere l’opportunità di svolgere sport a contatto con la natura e in modo rispettoso dell’ambiente e del benessere dei praticanti come il canottaggio e la vela all’interno della realtà portuale del porto di Cecina.

Ai ragazzi sono stati lasciati tutti i recapiti del circolo nautico per poter richiedere le informazioni sulla pratica delle attività. Il canottaggio, sport che viene praticato tutto l’anno, è attualmente in piena attività con regate di interesse regionale e nazionale a cui iscrive i propri atleti. La vela, praticata in estate per l’avviamento e in inverno per l’agonismo, sta programmando l’attività per la parte estiva portando avanti la preparazione agonistica degli atleti che vengono iscritti alle regate zonali.

Un altro appuntamento per il circolo nautico è il progetto “Porte aperte agli sport d’acqua” con le scuole medie di Palazzi che coinvolgerà tutte le classi prime. A questo progetto parteciperanno nuovamente i settori del circolo nautico con rappresentanti del canottaggio, vela e sub con la partecipazione della Pubblica Assistenza di Cecina e della capitaneria di porto. Il progetto si svolgerà come full immersion dell’intera mattina dove gli istruttori andranno all’interno della scuola per far conoscere l’esperienza sportiva disponibile a tutti i ragazzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»

Lo studio

Comuni più ricchi d’Italia, una sorpresa in Toscana – La classifica completa e i dati per ogni regione