Il Tirreno

Swag L’uovo di Pasqua è amaro Contro Pavia sarà scontro aperto

di Michele Amadori
Swag L’uovo di Pasqua è amaro Contro Pavia sarà scontro aperto

La sconfitta e i 111 punti subiti a Saronno devono far riflettere sulla fase difensiva I rossoblù sono ora chiamati a una prova di carattere per puntare a recuperare

29 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CECINA. La Robur Saronno si conferma bestia nera per la Swag Basket Cecina. Nella trasferta lombarda infatti i rossoblù hanno incassato la seconda sconfitta contro la squadra di coach Biffi, la terza in cinque partite di una serie di play-in Gold che si sta confermando tosta e particolarmente complessa.

Parlando della partita contro la Robur, nei 40 minuti di gara è andata in scena una bella sfida tra due dei più forti attacchi di tutto il campionato. Punteggio alto fin dal primo quarto per la Robur e tabellone che ha continuato a salire, fino a raggiungere la cifra record – in termini di punti subiti da parte dei rossoblù di coach Andrea Da Prato – di 111 in favore di Saronno contro i 97 di Cecina. Attacchi dunque in grandissimo spolvero con ben sette giocatori di entrambe le squadre che hanno terminato la propria gara in doppia cifra. Un piccolo record anche per Cecina che però non è bastato per avere la meglio della formazione lombarda. Analizzando lo score, a fare la differenza e a scavare quel solco finale di 14 punti sono stati i tiri liberi, dove la Swag ha avuto le polveri troppo bagnate andando a chiudere con 23 conclusioni di successo su 36 tentativi, mentre 27 su 30 è stato il computo finale per la Robur Saronno dalla linea della carità.

Liberi a parte, altra grande differenza è stata la maggiore solidità difensiva che Saronno ha mostrato nel momento decisivo, ovvero negli ultimi minuti del quarto tempino. Cecina, infatti, è quasi sempre riuscita a ricucire e rintuzzare il distacco (-5 alla mezz’ora) ma nell’ultimo quarto i canestri si sono rarefatti e Saronno è stata brava a respingere gli attacchi rossoblù proprio nel momento in cui ha portato il suo vantaggio in doppia cifra, riuscendo così ad amministrare nel finale salvo poi dare un ulteriore strappo.

A livello di singoli sono stati appunto 7 i rossoblù in doppia cifra con Turini miglior realizzatore con 28 punti, seguito da Pedroni con 13, Milojevic e Bruni con 11, Mazzantini, Pistillo e Longo a quota 10 punti.

Guardando la classifica Saronno saluta l’ex terzetto di testa portandosi a quota 16 punti, mentre Cecina resta a a 14 in attesa del risultato della Use Empoli. Si avvicina alle zone nobili anche Pavia che ha battuto la Virtus Siena col punteggio di 83-58 e che si trova ora a sole due lunghezze da Cecina. Proprio la Riso Scotti Pavia è la prossima avversaria dei rossoblù in una sfida che si preannuncia molto complicata. I rossoblù ora hanno qualche giorno per ricaricare le batterie e per smaltire la doppia trasferta in cinque giorni: sarà fondamentale far tesoro della gara con Saronno, ripartire da un attacco in buono stato e curare meglio la fase difensiva in vista della prossima, delicatissima partita.


 

Primo piano
La tragedia

Tamponamento sulla A22, muore camionista di Pisa di 25 anni: lascia una bambina piccola