Il Tirreno

Commercio

Un bar-ristorante al posto dell'Annacqualo, i titolari: «A Marina di Cecina possiamo crescere»

di Claudia Guarino
Un bar-ristorante al posto dell'Annacqualo, i titolari: «A Marina di Cecina possiamo crescere»

I proprietari dei Fichi Secchi di Vada prendono tre fondi e raddoppiano. E si cerca personale

01 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CECINA. Adesso i fondi sono vuoti ed è evidente che lì dentro i lavori siano in corso. Ma presto (l’obiettivo è maggio) al posto dell’ex Annacqualo, del fu negozio di frutta e verdura e del fondo che affaccia sul viale della Repubblica, ci sarà un locale che funzionerà insieme da bar, enoteca e ristorante. Il nome già dà qualche indicazione sull’identità del luogo: si chiamerà “Strafichi”. E non è casuale. Perché ad aprirlo sono i titolari del locale I Fichi Secchi di Vada, che per l’occasione hanno portato a bordo un terzo socio: Elia Greco.

«Un’opportunità»

E non si può dire che a Filippo Bianco e Federico Franchini, visti i trascorsi con gli arcinoti problemi di verbali e ricorsi, manchino spirito di iniziativa e di voglia di crescere. «Al di là di tutti i problemi – dice Filippo Bianco – . Abbiamo deciso di non demoralizzarci e di rimetterci in gioco. Per noi questa è un’opportunità». Ed è un’opportunità di crescita, considerando che non è un trasferimento ma un raddoppio. Perché «il locale a Vada rimane». E rimane dov’è sempre stato, in piazza Garibaldi.

Vada rimane

Il locale di Vada, lo ricordiamo, in passato è stato teatro di più contenziosi col Comune di Rosignano a causa, ad esempio, di imputati superamenti della soglia del rumore a cui sono seguiti verbali e ricorsi che poi sono finiti in tribunale. Ma questa è un’altra storia. Qualche mese fa i due titolare dei Fichi Secchi vengono a sapere che l’ex Annacqualo era sul mercato e si sono detti: facciamolo. Anzi, hanno fatto di più. Hanno preso quello e i due fondi confinanti. E l’idea è trasformarli, rispettivamente, in bar, ristorante ed enoteca.

«Il nostro progetto»

«Sarà un ristorante in nostro stile, fatto di assaggi e tapas, non un ristorante tradizionale. Ce ne sono già molti a Marina di Cecina e noi ci teniamo a portare qui la nostra identità». Il bar sarà un cocktail bar pensato per aperitivi e apericena da servire anche ai tavoli che saranno sistemati sotto al portico. Dall’aperitivo al dopocena, dunque. «Per adesso sì, poi valuteremo se aprire anche in altri orari, magari nel fine settimana. Ma vediamo». Il primo passo è finire i lavori di ristrutturazione, che non sono piccoli dato che gli operai devono buttare giù alcune pareti per unire i fondi. E poi inaugurare il locale. «L’obiettivo è riuscirci a maggio».

«Crediamo in Marina»

Ma perché i tre soci hanno scelto proprio Marina di Cecina? «È un luogo in cui c’è fermento. E la nostra è una squadra giovane e motivata. Abbiamo voluto fare questo passo per sviluppare le nostre idee e per portarle alle persone. Il nostro è un team molto affiatato e, per questo, vogliamo ringraziare anche i nostri dipendenti». La squadra di lavoro è già formata, ma «siamo sempre pronti a ricevere nuove candidature». Basta scrivere a strafichisnc@gmail.com. Le idee ci sono, il personale, anche. Mancano solo chiusura del cantiere e taglio del nastro. «Noi ci siamo, pronti e motivati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Turismo

Il ponte del 25 aprile? Sulle piste a sciare: «Nevicata eccezionale». Ecco gli impianti aperti in Toscana