Il Tirreno

Il caso

Rosignano, sigilli a un locale abusivo: ospitava ristorante e ballo

Rosignano, sigilli a un locale abusivo: ospitava ristorante e ballo

La costruzione di 80 metri realizzata accanto a un bar

30 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





ROSIGNANO. I vigili urbani di Rosignano hanno sequestrato una costruzione abusiva di 80 metri quadrati realizzata a fianco di un’attività commerciale, lungo la costa, destinata ad ospitare un ristorante ed eventi di intrattenimento. La squadra di vigilanza edilizia del comando di Polizia municipale di Rosignano Marittimo ha effettuato un controllo finalizzato alla prevenzione e alla repressione degli abusi edilizi sul territorio.

La pattuglia della Polizia municipale, insieme al personale dell’Ufficio Edilizia privata, a tutela delle norme di sicurezza per i cittadini e a garanzia della leale concorrenza, ha svolto un sopralluogo sul lungomare, dove ha trovato «un manufatto abusivo di circa 80 metri quadri, destinato alla ristorazione e alla realizzazione di eventi di intrattenimento».

Il manufatto è stato realizzato in adiacenza a un locale in muratura, adibito a pubblico esercizio e attivo da anni sul territorio.

Trattandosi di un’opera totalmente abusiva, spiegano i vigili in una nota - «in un’area soggetta a vincolo paesaggistico e la cui stabilità di ancoraggio al suolo è ignota, specialmente in occasione di eventi atmosferici avversi, è stata rilevata la violazione dell’art 44 DPR 380/01 e dell’art 181 D.Lgs. 42/2004».

La struttura abusiva è stata sottoposta a sequestro preventivo «ai sensi dell’art 321 Cpp, misura poi confermata dal Tribunale di Livorno, in quanto il manufatto era stato recentemente realizzato, in assenza di titolo, in area sottoposta a vincolo paesaggistico, e in particolare perché poteva costituire un serio pericolo per i potenziali clienti».

Al momento restano funzionanti e disponibili i servizi offerti dalla struttura principale autorizzata.


 

Primo piano
La tragedia

Livorno, muore a 51 anni schiacciata con lo scooter fra due auto: chi è la vittima e la dinamica

di Stefano Taglione
Le nostre iniziative