Il Tirreno

castagneto 

Mozione dei Democratici per i lavoratori Gkn e per la vertenza Jsw

31 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





castagneto. Il Gruppo Democratici per Castagneto Carducci proporrà al consiglio comunale nella sua prossima seduta l’approvazione di una mozione a sostegno dei lavoratori Gkn di Campi Bisenzio e della vertenza dei lavoratori delle acciaierie piombinesi Jsw Steel Italy. Nella proposta di mozione viene espressa «grande preoccupazione e sofferenza rispetto ai fatti che stanno interessando la Gkn di Campi Bisenzio, per la quale la proprietà ha deciso la chiusura del sito produttivo e il licenziamento collettivo dei 422 lavoratori, ai quali vanno aggiunti quelli dell’indotto. A loro va la piena solidarietà e sostegno, e il Comune di Castagneto Carducci si sente parte della mobilitazione dei sindacati, associazioni, volontari e istituzioni, in particolare per la Gkn ma anche per altre aziende in situazioni simili».

In questo contesto per i Democratici di Castagneto «appare ancora più inaccettabile il perpetuarsi della situazione delle Acciaierie Jsw di Piombino, che attraverso una ristrutturazione con i significativi investimenti più volte enunciati e mai tradotti in un piano industriale serio e credibile, le rendano una fabbrica sostenibile, che restituisca le aree inutilizzate alla città salvaguardando l'occupazione e la salute di tutti i cittadini. La vertenza Jsw può trovare soluzione solo a livello nazionale, con i lavoratori, le istituzioni e le parti sociali coinvolti e protagonisti nella scrittura del loro futuro. In una crisi così lunga e difficile e dalla quale dovremmo rialzarci con un rinnovato spirito di collaborazione e solidarietà, la forza lavoro dovrebbe essere messa al centro di un progetto di rilancio, e non considerata il solo elemento da attaccare per alleggerire la voce dei costi».

Così la mozione del consiglio comunale «auspica una presa di coscienza e conseguenti azioni da parte del Governo, che porti a una interlocuzione proficua con il mondo sindacale e con le associazioni dell’imprenditoria e all’introduzione di nuove forme universalistiche di tutela del lavoro, con un invito pressante a occuparsi fattivamente ai massimi livelli istituzionali delle vertenze relative alle aziende in questione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La tragedia

Argentario, neonato morto su una nave crociera: fermata la mamma, è accusata di omicidio