Il Tirreno

PANEMAREMMA

Il profumo del pane, la qualità e l’amore per il territorio fra tradizione e innovazione

Il profumo del pane, la qualità e l’amore per il territorio fra tradizione e innovazione



30 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





“È da tempo che cerco di creare un pane che ci porti alla radice dei nostri sapori, un pane che parlasse di Italia nei sapori e nei colori, che avesse al suo interno il bagaglio di conoscenze che ho accumulato negli anni e le conoscenze che mi ha trasmesso chi mi ha preceduto. Un prodotto fatto soprattutto con amore, amore per il pane, amore per voi, amore per la nostra meravigliosa terra. Potevamo chiamarlo in mille modi ma quello che mi piaceva di più è un nome che in sé riporta le mie origini romane. Lo abbiamo chiamato PANEM NOSTRUM. Quando lo cercate chiamatelo col suo nome come chiamereste un’entità con un’anima, perché statene certi lì dentro un’anima c'è”. (Alessandro Berardi)

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40218088:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40218088:1652954158/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

PaneMaremma del Gruppo Panificio Romano di Follonica, racconta una lunga storia di famiglia, iniziata a Roma nel 1923. È lì che nonno Giacomo rileva un negozio di generi alimentari con annesso laboratorio di panificazione in via Alberto da Giussano. Il figlio, fin da piccolo viene istruito all’arte del pane e nel 1969, quando si trasferisce a Follonica per amore della moglie nativa di Montieri, insieme ai due figli piccoli Alessandro e Andrea, rileva un piccolo panificio in via Santini. In poco tempo la gente lo inizia a conoscere come Romano, non avendo mai ceduto all’inflessione dialettale Toscana, e così il panificio prende il nome per tutti di Panificio Romano. Dopo un’esperienza poco felice in un forno industriale che aveva contribuito a fondare decide di spostarsi nel centro commerciale della 167 ovest e subito dopo in zona industriale a Follonica dove il panificio ha anche una pasticceria annessa che poi verrà rilevata dal figlio Andrea e spostata per motivi logistici e di spazi.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40218087:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40218087:1652954158/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

Attualmente Alessandro svolge la funzione di controllore della produzione e porta avanti la ricerca e lo sviluppo dei nuovi prodotti nonché lo sviluppo di mercato. «Ci siamo sempre concentrati nella ricerca della qualità sin dalle materie prime – dice - Credo che mio padre sia stato uno dei punti di riferimento della panificazione Follonichese». Per PaneMaremma qualità significa soprattutto cercare l’innovazione senza dimenticarsi di mantenere la tradizione delle generazioni passate e l’amore per il territorio. «Ci siamo dotati delle migliori tecnologie per il controllo della lievitazione e dati una dimensione di produzione e distribuzione sempre più importante - spiega Alessandro - Non facciamo dettaglio ma abbiamo clienti importanti che ci rinnovano la loro fiducia da anni e che ringraziamo. Oggi credo che la nostra Schiaccia alla pala, il nostro pane salato, il pane ai cereali, unito a prodotti specifici per l’alimentazione sportiva e salutistica, la ricerca di prodotti innovativi, l’uso su quasi tutta la gamma di lieviti naturali od enzimi derivati direttamente da essi, renda la nostra produzione sia per qualità che per varietà qualcosa di veramente particolare in Maremma».

PANEMAREMMA S.R.L. – Gruppo Panificio Romano
Via dell’Elettronica, 12 – Follonica (GR) – Tel: 0566 54 702 – Fax: 0566 58 720 – Email: info@schiacciasecca.it
Primo piano
La ricostruzione

Morto in moto a Grosseto, chi era il dentista Lapo Bernardi e la testimonianza: «Ho visto la manovra fatale»

di Maurizio Caldarelli