Il Tirreno

VECCHIO FORNO

Due nonni, un’ape a tre ruote e tanto amore per la panificazione

Due nonni, un’ape a tre ruote e tanto amore per la panificazione

Da più di 40 anni, il Panificio Il Vecchio Forno di Ferrari Fabiano e C.  porta avanti una storia di famiglia nella panificazione, da sempre puntando sulla tradizione e sulla qualità degli ingredienti, per offrire ogni giorno prodotti freschi preparati con cura dall’impasto alla cottura finale.

29 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





Il pane caldo richiama ricordi d’infanzia, di casa, di famiglia. Lo sa bene Pamela D’Angelo che un po’ si emoziona nel raccontare la storia della sua famiglia, scandita dall’amore per la panificazione. Era il 1976 quando Nonno Mario e Nonna Antonia aprirono la prima bottega a Monsummano, in cui nel tempo sono entrati a lavorare anche i figli, Fabiano, che già all’età di 14 anni portava il pane a domicilio con l’ape a tre ruote, Barbara e Sabrina, e poi Daniele il genero del nonno.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40213675:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40213675:1652954937/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40213668:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40213668:1652954937/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

Quell’ape ne ha fatta tanta di strada e oggi Fabiano è il titolare insieme alla nipote Pamela di tre botteghe che portano l’insegna Panificio Il Vecchio Forno di Ferrari Fabiano e C.  a Monsummano - dove vi è anche la produzione - a Ponte di Serravalle e a Montecatini Terme. La filosofia della famiglia è sempre stata quella di puntare sulla qualità, mantenendo la tradizione e preferendo offrire un assortimento di tipi di pane limitato, per poter curare tutta la preparazione dall’impasto alla cottura finale. «Le cose da noi sono sempre fresche - dice Pamela - Si lavora tantissimo, cose “normali”, come pane toscano, pugliese, anche pane integrale. Facciamo la schiacciata, la pizza e abbiamo un po’ di alimentari. I dolci sono quelli tradizionali: crostate, biscotti, i panettoni per Natale e le colombe a Pasqua. Preferiamo fare meno cose ma usando i prodotti migliori e mettendoci sempre il cuore». «Ci serviamo da molini seri - continua Pamela - con una grande storia alle spalle come Parri e Messerini, non usiamo alcun prodotto premiscelato, mix di farine o prodotti precotti congelati. La qualità e l’aver mantenuto la tradizione nelle lavorazioni sono il nostro punto di forza».

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40213672:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40213672:1652954937/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40213665:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40213665:1652954937/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

Una scelta quella di Fabiano e Pamela che è molto apprezzata dai clienti, che ogni giorno possono godere della bontà del pane fresco e degli altri prodotti nei punti vendita del Panificio Il Vecchio Forno, sempre aperti anche nei giorni festivi, e che ha visto con il tempo ampliare la famiglia, essendo entrato nel 2014 il giovane Dennis, figlio di zia Barbara e nel 2016 anche Alessandro, il marito di Pamela, come socio. Da una piccola attività iniziata dai nonni, oggi sono 14 le persone che lavorano per il Panificio, che due mesi fa ha inaugurato il nuovo punto vendita a Montecatini. «Siamo contenti di tutto quello che abbiamo fatto - conclude Pamela – e dei risultati ottenuti con tanto impegno, perché siamo certi di offrire ai nostri clienti prodotti buoni e di qualità. Il nostro primo ingrediente è la passione».

Primo piano
La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina