Il Tirreno

Porto della Maremma, il perfetto connubio tra sviluppo e sostenibilità

Porto della Maremma, il perfetto connubio tra sviluppo e sostenibilità

28 aprile 2021
4 MINUTI DI LETTURA





Accoglienza, riservatezza e comfort. Sono questi i pregi del Porto della Maremma, un vero e proprio esempio di infrastruttura ecosostenibile. Pioniere nella sensibilizzazione e divulgazione della tutela ambientale e delle risorse messe a disposizione della natura, il Porto della Maremma si impegna quotidianamente per dare vita a uno sviluppo compatibile con il rispetto della natura. All'interno del Porto sono disponibili appositi contenitori per la raccolta differenziata. Inoltre, nell'area portuale è allestita un'isola ecologica dove poter smaltire rifiuti speciali per non inquinare il bacino portuale. Gestito dalla Marina di San Rocco Spa, questo porto turistico è Bandiera Blu dal 2006. La cultura aziendale è orientata al progressivo miglioramento delle proprie performance per accrescere la fiducia dei clienti e contribuire alla crescita continua dell'intera struttura. Con i suoi 557 posti a disposizione, il Porto è pronto per accogliere tutti coloro che vogliono vivere il sogno di navigare nel cuore della Maremma più autentica.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40209487:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40209487:1652956865/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

All'Argentario i progetti per il turismo procedono a gonfie vele

Splendide coste, pittoreschi porticcioli, scorci mozzafiato: l'Argentario è tutto questo e molto di più. Con due porti che si affacciano sull'Arcipelago Toscano, di cui Porto Santo Stefano posizionato a nord e Porto Ercole a sud, questa zona garantisce l'approdo di ogni tipo di imbarcazione con qualsiasi condizione meteorologica. Il progetto PortArgentario, nato qualche anno dalla collaborazione tra Autorità Portuale Regionale Toscana e il Comune di Monte Argentario, ha come obiettivo quello di dare un contributo allo sviluppo economico del comprensorio con un'iniziativa di promozione del turismo nautico rivolta principalmente alle navi da crociera di piccole e medie dimensioni per innestare un circolo virtuoso per l'economia locale. Lasciatevi trasportare indietro nel tempo visitando i forti medievali spagnoli oppure immergetevi nelle acque limpide e cristalline delle calette più inesplorate, Porto Santo Stefano e Porto Ercole con i loro colori e i loro sapori sono pronti ad accogliervi per vivere un'estate al top.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40209486:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40209486:1652956865/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

Marina di Scarlino: una location unica con un'offerta integrata per tutto l'anno

Incastonato tra il sorprendente territorio della Maremma e l’Arcipelago Toscano, a poche miglia dall’isola d’Elba, Marina di Scarlino è uno dei porti turistici più sicuri e protetti del Mediterraneo. Nato e sviluppatosi come Marina Resort & Boatyard, questo piccolo angolo paradisiaco è un raro esempio di offerta integrata. I suoi ospiti possono godere di una varietà di servizi non solo per la nautica e che comprendono strutture ricettivo-alberghiere, negozi, bar, ristoranti, piscina, centro estetico, beach club e partecipare da attori o spettatori ad attività ricreativo-sportive. Il profondo Golfo di Follonica, le prospicenti colline dei parchi naturali, che lo contornano, creano un microclima mite e condizioni di mare e vento ideali in ogni stagione: un sogno a occhi aperti per i velisti, una fitta mappa di destinazioni a km 0 per coloro che, oltre a parchi marini e a cale incontaminate, vogliono vivere uno scorcio di Toscana autentico e tutto da scoprire dal punto di vista eno-gastronomico, culturale, artistico e paesaggistico.

Tanti eventi in programma per un'estate ricca di regate al Marina di Punta Ala

Seguendo l'antico adagio “chi ha tempo non aspetti tempo”, la grande stagione di regate che vede come centro nevralgico il Marina di Punta Ala pochi giorni ha già preso il via. Ad aprire le danze è stato il Campionato Italiano Kayak Fishing Mare per Squadre, andanto in scena il 24 e il 25 aprile all'interno della meravigliosa cornice di questo splendido porto turistico e della sua comoda spiaggia. Ma questo sarà solo il primo appuntamento di un calendario davvero ricco di eventi. A spiccare su tutti è senza ombra di dubbio la tappa conclusiva della 151 Miglia-Trofeo Cetilar, che taglierà il traguardo proprio a Punta Ala con tutte le migliori imbarcazioni per la categoria a lottare per la vittoria. Il clou sarà, come sempre, rappresentato dalla nuova edizione del Gavitello d'Argento, un evento assolutamente da non perdere in programma il 5 e 6 giugno. Insomma, ancora una volta il Marina di Punta Ala si conferma una location d'eccellenza per tutti gli amanti della nautica e non solo.

Relax e cura per il cliente sono di casa all'Hotel Terme Marine Leopoldo II

Non c'è niente di meglio dopo una giornata in barca che abbandonarsi al relax in un hotel con terme annesse. Parola di Amedeo Vasellini, gm delle Terme Marine Leopoldo II: «Da sempre  lavoriamo in interconnessione con i porti turistici della zona, in particolare con la Marina di San Rocco. Collaborare con loro e con le agenzie che offrono servizi come organizzazioni di gite o mini-crociere ci permette di avere un ritorno di clienti di qualità, un turismo di un certo livello lontano dal sistema mordi-e-fuggi. Abbiamo già prenotazioni per luglio e agosto, a differenza rispetto al passato abbiamo più clienti italiani che stranieri. Siamo convinti di poter registrare buoni risultati in alta stagione». Le Terme Marine sono un presidio medico dove far rispettare le norme anti-Covid è più facile che in altri luoghi. «Grazie ai nostri grandi spazi – conclude Vasellini – riusciamo a far rispettare il distanziamento in ogni parte della struttura, anche tra i tavoli del ristorante. Avere a disposizione tanti metri quadri è sicuramente un vantaggio non da poco per seguire tutte le regole indicate dai decreti ministeriali per combattere il Coronavirus».

Primo piano
Il brutto gesto

Vandalizzate quattro sculture di Giò Pomodoro in mostra a Pietrasanta