Il Tirreno

Reggio Calabria: occupazione abusiva di alloggi popolari, 52 denunce dei carabinieri a Polistena

31 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 31 gen. - (Adnkronos) - Cinquantadue persone sono state denunciate dai Carabinieri della Stazione di Polistena, in provincia di Reggio Calabria, a seguito di una campagna di controlli per prevenire e reprimere fenomeni di occupazione abusiva degli alloggi residenziali pubblici di quel comune. A suscitare l’attenzione dei militari un fatto di sangue verificatosi a luglio del 2022 proprio in uno dei complessi di case popolari di quel comune, quando un 51enne, dipendente del Comune di Polistena e beneficiario di alloggio pubblico, aveva aggredito a coltellate due pregiudicati romani, in quel momento ospitati presso un altro degli appartamenti di quel complesso. Le indagini su questo caso, che nell’immediatezza avevano portato all’arresto dell’uomo per tentato omicidio, aveva messo in evidenza che chi ospitava le due vittime non aveva titolo a risiedere in una casa popolare. E così sotto la lente degli investigatori dell’Arma sono finite le documentazioni di oltre 300 unità abitative, alcune di proprietà dell’ente locale, altre gestite dal comune per conto dell’Aterp, ente pubblico non economico con funzioni ausiliarie alla Regione Calabria in materia di edilizia residenziale pubblica. Il risultato è che ogni dieci alloggi controllati, i militari ne hanno individuato almeno uno occupato senza titolo o occupato solo saltuariamente dai beneficiari. Infatti, le indagini hanno fatto emergere come, all’interno del sistema di gestione delle case popolari, vi fossero sia nuclei familiari che, in spregio ai criteri di assegnazione e alle graduatorie comunali, avevano, negli anni, occupato alloggi senza nessuna formale investitura, sia famiglie che, pur vivendo in altre abitazioni, non avevano lasciato l’alloggio che, ai tempi, era stato loro assegnato sulla base di necessità economiche non più attuali. Fra questi ultimi, si segnala il caso di un 40enne con precedenti di polizia che, trasferitosi in nord Italia per lavoro, manteneva l’alloggio come pied-à-terre quando tornava a Polistena per le festività. I carabinieri hanno poi riscontrato che, in uno dei casi analizzati, c'era stato un vero e proprio mercato dell’alloggio pubblico. È risultato, infatti, che una delle famiglie alloggiava in un appartamento per il quale corrispondeva un canone di locazione a un sedicente proprietario. Sulla base degli elementi di prova raccolti, secondo l’ipotesi d’accusa prospettata alla Procura di Palmi, i Carabinieri hanno perciò denunciato 52 polistenesi, 19 dei quali già noti agli investigatori per precedenti deferimenti e 14 beneficiari di forme di sostegno del reddito erogate dagli Enti previdenziali, ritenendoli responsabili di invasione di edifici pubblici e truffa.
Primo piano
Bolkestein

Concessioni balneari, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri