Il Tirreno

Montecatini

Trotto

Primavera senza corse, sforbiciata alla stagione dell’ippodromo Sesana

di Paolo Allegri
Una gara al Sesana
Una gara al Sesana

La Snaitech taglia: parola d’ordine “sostenibilità”

18 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





MONTECATINI.  L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, con la diramazione da parte del Masaf del calendario dell’ippica, ma quello che si prospetta è un vero e proprio ridimensionamento dell’ippodromo Sesana. La Montecatini del trotto, con la stagione 2023, diventerà solo estiva: niente corse in primavera (aprile e maggio), niente di Pasqua, Pasquetta, 25 aprile e Primo maggio. Un cambio notevole per le abitudini degli appassionati e anche la rinuncia a quella connessione tra ippodromo e stagione turistica che per decenni ha costituito un punto di forza della città termale.

Oggi l’ippodromo è una realtà differente rispetto anche alle dinamiche dei flussi turistici in città, la Snaitech ritiene che la stagione delle corse del 2023 debba avere nel suo essere sostenibile una delle sue priorità. Sostenibile significa concentrare le risorse nel periodo estivo, in cui il pubblico risponde in maniera migliore, anche per la presenza delle grandi corse, i gran premi, le pariglie, il trotto montato. Sostenibile significa anche darsi il tempo di rifare completamente la pista eliminando una volta per tutte quei problemi strutturali emersi nella passata stagione.

Così sarà giugno il mese del vernissage, probabilmente con due convegni in pomeridiana a precedere quel ciak in notturna collocato nel range 20/25 giugno. Luglio, con due appuntamenti settimanali, probabilmente la scelta di sei corse al giovedì e di sette al sabato, con focus tecnico sul Gran Premio Società Terme, che raduna a Montecatini il meglio dei cavalli di tre anni, quelli che a settembre e ottobre, tra batterie e finale, si contenderanno a Roma il Nastro Azzurro del Derby. Agosto sarà un mese molto intenso e all’insegna della qualità con un trittico di eventi ravvicinato: l’antica corsa delle pariglie, qualcosa di unico al mondo; quindi il trotto montato, la disciplina alla sella di origine francese che in Italia consente ad alcune amazzoni come Marta Matarazzo, Emily Bellei e Rebecca Dami di dare all’ippica un tocco rosa gentile e, spesso, anche vincente. L’apoteosi della stagione è nella notte di Ferragosto con il Gran Premio Internazionale, il Città di Montecatini, che per un accordo tra broadcaster televisivi appena siglato sarà trasmesso in tutto il mondo. Queste tre corse diverse e speciali, pariglie, montato e Gran Premio, saranno ravvicinate nella programmazione, costituendo un’ideale “Grande settimana” di Montecatini nel mondo dell’ippica.

Settembre sarà il mese dell’ultimo evento della stagione, con la disputa di una corsa sempre bella e dai significati ampi. Ricordando i valori che hanno accompagnato la carriera e la vita di un grande uomo e driver, Nello Bellei, il personaggio che con il suo amico e rivale Vivaldo Baldi condivide anche una targa di fronte all’ingresso, quello tra gli archi nelle vicinanze del sottopassaggio. Un punto di riferimento che prende maggior forza oggi che l’ippodromo affronta una svolta.
 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto