lucca
cronaca

Voto: anche senza simbolo SìAmo Lucca sarà presente

Quattro esponenti del movimento civico nato per le amministrative del 2017  candidati con Forza Italia-Udc: tra loro Alessandro Di Vito che sarà capolista


08 maggio 2022


LUCCA. Il simbolo non sarà presente sulla scheda elettorale, ma la lista civica SiAmo Lucca al voto del prossimo 12 giugno ci sarà lo stesso. A rappresentarla quattro esponenti della lista civica nata in occasione delle passate amministrative per sostenere la candidatura a sindaco di Remo Santini, inseriti nella lista di Forza Italia a sostegno di Mario Pardini. A illustrare la scelta è stato lo stesso presidente della lista civica che nel 2017 mancò per pochissimi voti l’elezione a primo cittadino: «Siamo qui per dire – ha spiegato Santini – che SiAmo Lucca parteciperà al voto. Non lo farà con il proprio simbolo o con una propria lista, per evitare di fare confusione, ma presentando uomini e donne vicini a noi all’interno della lista Forza Italia Udc. Questo perché queste forze incarnano del moderatismo che caratterizzano SiAmo Lucca sin dalla sua nascita. Attenzione però, moderatismo che non vuol dire arrendevolezza, come dimostra il nostro impegno in questi cinque anni dai banchi dell’opposizione».

«Si tratta di una scelta coerente – ha proseguito Santini – perché pur avendo avuto il centrodestra un parto travagliato alla fine si è arrivati a una quadra. L’importante era non dividersi. Io per primo, nel 2017, ho patito la divisione del centrodestra: solo con l’unità si può battere il centrosinistra che sì, si presenta con un vestito nuovo, ma dietro il quale stanno dieci anni di gestione fallimentare».

L’ex candidato sindaco spiega di aver voluto fare un passo indietro, nonostante, a marzo, le forze del centrodestra gli avessero riproposto la candidatura a sindaco: «Ma ho detto no, sia perché a quel punto avevo già preso impegni professionali che non potevo cambiare, sia perché non trovo giusto insistere con la stessa faccia».

Santini poi lamenta il problema dell’astensionismo, che rischia di farsi sentire anche in quest’occasione (per la scelta di votare a giugno e per «una campagna elettorale fiacca»). Prima di chiudere il suo intervento il presidente di SiAmo Lucca ha anche rivolto un saluto e un in bocca al lupo ai consigliere delle altre liste di opposizione con cui sono state condotte tante battaglie nel corso della legislatura che volge al termine («L’unione ha fatto davvero la forza»), ossia Fabio Barsanti e Massimiliano Bindocci.

Quindi la presentazione dei quattro candidati di SiAmo Lucca che saranno presenti nella lista di Forza Italia Udc. Si tratta di Massimo Pieri, laureato in legge, il quale ha sintetizzato le questioni che gli stanno a cuore in quattro punti: «Riattivare l’attenzione sull’attività del sindaco in quegli organismi che sovrintendono alle attività dell’ospedale; intervenire sulla gestione degli impianti sportivi; riattivare il dialogo con i cittadini, che non deve essere fatto solo di citazioni in giudizio, e mettere le mie esperienze personali al servizio di questo momento storico particolare legato al piano operativo e ai fondi del Pnrr».

C’è poi Carolina Faina, già proveniente da Forza Italia («Per me sarà un po’ come tornare a casa»), ma che aveva abbracciato sin da subito l’esperienza di SiAmo Lucca.

Sulla scheda ci sarà anche il nome di Elena Del Frate, che ha tre punti che le stanno particolarmente a cuore: Le malattie rare e il sostegno, al momento ai familiari che assistono le persone colpite, l’attenzione agli animali, e l’ambiente.

Di SiAmo Lucca sarà anche il capolista, ossia il consigliere uscente Alessandro Di Vivo, il quale, forte della sua esperienza professionale, ha puntato i riflettori soprattutto sui tanti problemi che la sanità lucchese sta vivendo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.