grosseto
cronaca

Sergio Japino in ospedale

Il regista si è sentito male nella sua villa È arrivato da solo in auto al pronto soccorso


24 marzo 2011 Fra.Go.


 PORTO SANTO STEFANO. Martedì era stato un giorno come tanti per il coreografo e regista Sergio Japino nella sua villa dell'Argentario. Una giornata trascorsa in quello che è diventato il suo buen retiro da tantissimi anni. Un caffè al Bar Fuga a Porto Santo Stefano, una bella camminata lungomare, una cena con gli amici. È rientrato a casa, da solo. E quando si è sentito male, non ha chiamato nessuno. È salito sulla sua auto ed è andato direttamente al pronto soccorso dell'ospedale di orbetello. I medici lo hanno visitato e hanno visto subito che Japino aveva avuto un problema cardiaco. Da lì, il trasferimento all'ospedale Misericordia di Grosseto dove è stato ricoverato nel reparto di Cardiologia. Le sue condizioni sono serie, ma non è in pericolo di vita.  Intanto, i suoi amici dell'Argentario ieri sono corsi subito all'ospedale di Grosseto per capire cosa era successo. «Eravamo stati a cena insieme - dice Renato Tulino, presidente della Proloco - poi Sergio è andato a casa. Non mi ha nemmeno avvertito di quello che era successo. È andato da solo in ospedale, io l'ho saputo soltanto ieri».  Sergio Japino, all'Argentario, lo conoscono in tanti. E in tanti ieri erano preoccupati per le sue condizioni di salute. La notizia del ricovero del coreografo e regista ha fatto il giro degli amici e dei conoscenti. «Ormai ha scelto l'Argentario come suo buen retiro - aggiunge Tulino - e anche quando torna dall'estero, di solito si ferma qui. Questo malore è stato del tutto inaspettato. Sergio conduce una vita regolare, fa lunghe passeggiate e soprattutto non aveva mai sofferto di questo tipo di problemi».  Japino resterà qualche giorno ricoverato al Misericordia, prima di tornare nella sua amata Porto Santo Stefano.

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.